Me

Un'”apocalisse zombie” di instagrammer ha distrutto un campo di girasoli

La fattoria canadese Bogle Seeds, in Ontario, aveva invitato le persone a visitare il loro campo di girasoli. Il risultato è stato il caos assoluto

Immagine di copertina
Credits: @lisaalianng, Instagram.

Tra i soggetti più amati in assoluto dagli utenti di Instagram ci sono sicuramente i girasoli. Una fattoria canadese che coltiva più di 1,6 milioni di questi bellissimi fiori vicino a Hamilton, in Ontario, aveva deciso di lucrare su questa moda di fare foto tutte uguali, invitando i turisti a visitare il loro enorme campo di girasoli e scattarsi qualche foto.

L’iniziativa, però, è finita malissimo.

“Da anni, la gente si ferma sul lato della strada per far foto del nostro campo”, ha detto Brad Bogle, che insieme al resto della famiglia Bogle coltiva i fiori gialli per raccoglierne i semi. Già nell’estate 2015, i Bogle avevano permesso ad alcuni turisti di fare un giro per il loro campo, senza alcuna ripercussione.

Così, la fattoria aveva deciso, a fine luglio, di permettere di nuovo alle persone di visitare alcune zone del proprio campo per 7 dollari e cinquanta, mettendo a disposizione anche un parcheggio da circa 300 posti. All’inizio, le folle erano gestibili. Ma, dal 28 luglio, la situazione è diventata incontrollabile.

Con il moltiplicarsi delle foto su Instagram, infatti, oltre 7mila macchine sono arrivate a cercare parcheggio vicino alla fattoria con il solo scopo di farsi fotografare insieme a questo milione di girasoli.

🌻 75 Acres of Sunshine 🌻 Check out my new blog post featuring this bright adventure! Link in bio #bogleseeds #hamilton #exploreontario #explorecanada #travelblogger #gaytravel #sunflower #TheGayPassport

Une publication partagée par Myles Sexton (@mylessexton) le


Un giornale canadese, The Globe, descrive così la situazione al limite del ridicolo: “Entro mezzogiorno, le orde stavano arrivando da ogni direzione. C’erano persone che parcheggiavano anche a un kilometro di distanza. La folla ha cominciato a ignorare lo staff, sopraffatto, e a girare per il campo senza pagare l’entrata”.

“La polizia ha detto alla famiglia Bogle che alcuni genitori stavano attraversando il traffico con i passeggini, che la gente si stava tamponando – e che un’auto in corsa aveva strappato via la porta aperta di un’altra macchina”.

Alcuni dei turisti, infatti, sono arrivati con selfie stick o vere e proprie scale per ottenere la migliore angolazione dei girasoli. Altri hanno decapitato le piante per portare a casa un souvenir, le hanno sradicate o hanno calpestato mortalmente i fiori.

Le orde di visitatori hanno lasciato dietro di sé una scia di immondizia.

I poliziotti hanno dovuto chiudere a forza l’iniziativa, e alla famiglia è stato chiesto di piantare diversi paletti lungo il perimetro del campo di girasoli che leggono “Vietato Entrare”. Questo, però, non ha fermato la folla, che noncurante continua a sconfinare illegalmente nel prato per farsi foto con i fiori.

Al momento, la fattoria è chiusa ai visitatori, eccetto quelli che vogliono comprarne i prodotti – come, ad esempio, il mangime per uccelli.

La famiglia Bogle, che non si aspettava una tale fama, è rimasta piuttosto sotto shock. “Era come un’apocalisse zombie. C’erano talmente tante macchine. La gente ci girava attorno, dentro e fuori. Nessuno si spostava”, ha detto Brad Bogle.

E Barry Bogle, un altro membro della famiglia, ha aggiunto: “Tutto è andato male. La gente arrivava, violava la nostra proprietà, buttava giù le nostre piante, ne rubava i fiori. Era il caos totale”.

~ perdida no amarelo 🌻🌻😌🌻🌻🌿 . . #marinastolife #marinastosummer . . #bogleseeds #sunflower #sunflowerfield #sunflowerfarm #ontario #ontarioyourstodiscover #enjoycanada #explorecanada #canada #canadiansummer #toronto #torontolife

Une publication partagée par Marina Mota (@marinadesapega) le