Me
È stato operato Salvatore Pezzano, il ragazzo che era ricorso al web per essere salvato: “Un incubo che finisce, grazie a tutti”
Condividi su:
salvatore pezzano operato

È stato operato Salvatore Pezzano, il ragazzo che era ricorso al web per essere salvato: “Un incubo che finisce, grazie a tutti”

Il ragazzo aveva una rara e pericolosa forma di lussazione alla clavicola e molti medici si erano rifiutati di operarlo a causa della complessità dell'intervento

03 Ago. 2018
salvatore pezzano operato

A fine luglio aveva fatto il giro del web la notizia di un ragazzo milanese che ha chiesto aiuto tramite il suo profilo Facebook per trovare un medico disposto ad operarlo.

Salvatore Pezzano aveva avuto un incidente mentre giocava a calcio che gli ha provocato una rarissima forma di lussazione alla clavicola.

“La clavicola si è lussata in un modo rarissimo, spostata all’indietro, insaccata nello sterno”, racconta il ragazzo.

“Sfiora di pochi millimetri strutture nobili vascolari e l’aorta”.

A causa della complessità dell’operazione era stato difficile trovare un medico disposto ad occuparsi del caso.

Da qui l’idea di lanciare un appello attraverso i social, a cui avevano fatto seguito decine risposte di di medici tra cui quell’ospedale Medici Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Salvatore infatti è stato operato e adesso sta bene, come lui stesso ha annunciato tramite i profili social.

“Non so che parole usare, un incubo che finisce! È partito tutto dal web, grazie a tutti voi che avete fatto sì che il messaggio potesse arrivare alla persona giusta”.

Non so che parole usare..un incubo che finisce ! È partito tutto dal web..grazie a tutti voi che avete fatto si che il messaggio potesse arrivare alla persona giusta ! Una decisione presa martedì mattina e stamattina operato! Stamattina prima di entrare in sala operatoria mi è passata tutta la vita davanti, ho pensato è se tutto va male e non mi risveglio? Non posso abbandonare la mia famiglia e amici…grazie Dio, grazie a tutti coloro che mi hanno aiutato a diffondere il messaggio , grazie al prof Castagna che mi è stato vicino e mi ha aiutato in tutti i modi e grazie soprattutto all’equipe che mi ha operato (per privacy non posso fare nomi!)..appena sveglio ho fatto il primo respiro e MI SONO SENTITO VIVO VERAMENTE..mi aspetta una lunga convalescenza di 1 mese, ma sono la persona più felice del mondo! Desiderio che questo post venga condiviso e possa arrivare a tutti, perché è solo grazie a voi se c’è l’ho fatta..desidero arrivi a tutti coloro che stanno combattendo una grave malattia o che stanno male, ricordatevi di non perdere mai la speranza! Me ne sono sentite dire tante..che sarei rimasto disabile, che ci sarei rimasto sotto i ferri o che nel caso migliore avrei perso il braccio, ma sapete cosa rispondo io? Che a tutto c’è rimedio, non bisogna mai arrendersi, mai mollare , mai perdere la speranza.

Un post condiviso da Salvatore Pezzano (@s.p.1.0) in data:

“Desiderio che questo post venga condiviso e possa arrivare a tutti, perché è solo grazie a voi se c’è l’ho fatta”, ha affermato il ragazzo.

“Desidero arrivi a tutti coloro che stanno combattendo una grave malattia o che stanno male, ricordatevi di non perdere mai la speranza!”

“Me ne sono sentite dire tante..che sarei rimasto disabile, che ci sarei rimasto sotto i ferri o che nel caso migliore avrei perso il braccio, ma sapete cosa rispondo io? Che a tutto c’è rimedio, non bisogna mai arrendersi, mai mollare, mai perdere la speranza”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus