Me

Niki Lauda è in condizioni gravi dopo un trapianto di polmoni

L'ex pilota di Formula 1, sottoposto a trapianto di polmone, sarebbe in condizioni molto serie. A riferirlo è la televisione di Stato austriaca Orf

Immagine di copertina
L'ex pilota Niki Lauda

Niki Lauda, sottoposto a trapianto di polmone, sarebbe in condizioni molto serie. A riferirlo è la televisione di Stato austriaca Orf. Il 69enne tre volte campione del mondo di Formula 1 (1975, 1977 e 1984) si trova ricoverato presso la clinica AKH di Vienna.

“Il trapianto è stato eseguito con successo da Walter Klepetko, capo del dipartimento clinico di chirurgia toracica, e da Konrad Hoetzenecker – si legge in una nota diramata dalla clinica – Apprezziamo la vostra comprensione, la famiglia Lauda non farà dichiarazioni pubbliche e richiede la privacy”.

Andreas Nikolaus Lauda, detto Niki è nato a Vienna, classe 1949, oltre ad essere un ex pilota automobilistico, è imprenditore e dirigente sportivo austriaco.

Come imprenditore ha fondato e diretto due compagnie aeree, la Lauda Air e la Niki. Da dirigente sportivo, dopo avere diretto per due stagioni la Jaguar, è dal 2012 presidente non esecutivo della scuderia Mercedes AMG F1.

Campione del mondo di Formula 1 nel 1975 e 1977 con la Ferrari e nel 1984 con la McLaren, Niki Lauda ha disputato 171 Gran Premi. Venticinque le vittorie, ventiquattro le pole position e altrettanti giri veloci.

La carriera sportiva di Niki Lauda è stata quella di altissimo livello: in Formula 1 il campione austriaco ha corso per March, BRM, Ferrari, Brabham e, infine, McLaren. Una vita piena di successi che lo considera uno dei piloti migliori della storia della Formula 1.

Conosciuto come “il computer”, per la sua incredibile capacità di individuare, proprio come un elaboratore, tutti i difetti, anche minimi, della vettura che guidava e per l’estrema meticolosità con cui si dedicava al proprio mezzo meccanico.

Nel 1976 in un incidente il suo viso rimase sfigurato, ma Niki affermò che preferiva avere salvo il fondoschiena piuttosto che un bel viso: d’altronde una vettura si guida soprattutto “con il sedere”.

Freddo, poco emotivo e determinato, Niki è sempre apparso agli occhi di chi lo conosceva proprio come un computer, un nomignolo calzante che si è portato dietro per tutta la vita.