Me
McDonald’s ha servito latte avariato a una donna all’ottavo mese di gravidanza
Condividi su:

McDonald’s ha servito latte avariato a una donna all’ottavo mese di gravidanza

L'episodio è accaduto ad Alberta, in Canada. "Voglio che i miei diritti di consumatrice siano rispettati", ha dichiarato la madre

02 Ago. 2018

Sarah Douglas è all’ottavo mese di gravidanza. Il pomeriggio di domenica 29 luglio, mentre si trovava in un drive-in ad Alberta, in Canada, ha ordinato un caffè. Ha pagato ed è uscita dal locale di McDonald’s.

Ha assaggiato il contenuto del bicchiere solo più tardi, quando era già in macchina e ha scoperto che il liquido non era un cappuccino.

“Ho dovuto inserire subito le luci di emergenza, accostare e sputare fuori dal finestrino quello che avevo bevuto”, ha detto Sarah Douglas al sito Lethbridge News Now, che ha raccontato la storia. “Ho sciacquato la bocca con un po’ d’acqua che, per fortuna,  avevo in macchina”.

Quando ha aperto la confezione, ha scoperto che nel bicchiere non c’era un cappuccino ma un liquido marrone. Ha fermato la macchina, è tornata indietro e ha chiesto di potere parlare con il responsabile del punto vendita.

“Gli ho mostrato il caffè e ne ho chiesto uno nuovo”, ha ricordato. “E il supervisor mi ha risposto che quanto successo era assolutamente inaccettabile”.

“Il nostro team si è subito messo in contatto con la cliente per scusarsi. L’ispettore sanitario ha visitato il ristorante e non ha riscontrato nessun problema. McDonald’s è rinomato per le sue politiche di controllo sul cibo e mi dispiace che questo sia successo proprio nel mio ristorante”, ha detto Dan Brown, il proprietario del franchisee.

Secondo la ricostruzione della vicenda, quella mattina la macchina del caffè era stata pulita ma, quando la bevanda è stata preparata, il latte era stato unito alla sostanza usata per pulire, che era rimasta ancora in funzione.

“Come madre, voglio essere sicura di aver voce e che i miei diritti di consumatrice siano rispettati”, ha detto Sarah Douglas che, il giorno dell’incidente, stava accompagnando suo figlio a una partita di basket.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus