Me

Bambino di 9 anni risucchiato dal bocchettone della piscina: è vivo per miracolo

Il bambino era andato in arresto cardiaco, ma l'intervento immediato di due infermieri presenti sul posto ha evitato il peggio

Immagine di copertina

Afferrato dal bocchettone della piscina, risucchiato e tenuto giù per 40 lunghissimi secondi, col cuore che aveva smesso di battere. Poi il miracoloso salvataggio.

È quanto successo in un camping di Borgo Verezzi, in provincia di Savona. Protagonista un bambino di 9 anni. Sergio, questo il suo nome, si stava godendo il sole e l’estate con un bagno rinfrescante nella piscina della struttura.

A un certo punto però il bocchettone lo ha afferrato e il piccolo ha seriamente rischiato di annegare. Per fortuna, poco lontano c’erano due infermieri, Roberto Prazzoli e Tiziana Viola.

Allertati dalle grida che provenivano dalla piscina, i due si sono precipitati e, una volta estratto il bambino, gli hanno praticato la rianimazione cardiopolmonare.

Il cuore di Sergio ha ricominciato a battere. Il piccolo, di origini brasiliane, è stato portato all’ospedale Gaslini di Genova in elicottero, e le sue condizioni al momento sono buone.

“Era in arresto cardiaco – ha raccontato alla Provincia di Pavese Roberto Prazzoli, uno dei due soccorritori – abbiamo praticato tre cicli di rianimazione cardiopolmonare e si è svegliato”.

“Sergio aveva un grosso ematoma sul petto – continua l’infermiere – Ci hanno detto che è stato sotto una quarantina di secondi, noi siamo arrivati subito: tutto è andato per il meglio proprio per la velocità degli interventi”.

L’episodio ricorda quanto avvenuto lo scorso 12 luglio a Sperlonga, in provincia di Latina, quando una ragazzina di 13 anni è stata risucchiata dal bocchettone della piscina di un hotel.

In quel caso, però, la 13enne è morta dopo il trasporto in ospedale.