Me

Perché sempre più persone trovano lavoro sulle app di incontri

Non solo relazioni sentimentali, app come Tinder o Match.com stanno diventando luoghi in cui incontrare futuri datori di lavoro

Immagine di copertina
Su Tinder e Match.com in tanti trovano interessanti opportunità di lavoro. Credit: AFP

Tender può aiutare a trovare lavoro? Pare di sì. Scorri verso destra per una relazione e trovi un’imperdibile opportunità lavorativa.

Philip Van Nostrand, un fotografo 37enne di New York, usa Tinder e Bumble per incontrare nuove donne, ma dopo alcuni appuntamenti, questi incontri romantici si sono trasformati in nuove opportunità di business. “Inizio a parlare del lavoro che faccio – ha detto – e le persone che incontro conoscono sempre altre persone che potrebbero essere interessate e così mi raccomandano”.

Una degli ultimi incontri, per esempio, gli è valso un servizio fotografico per un matrimonio il prossimo anno. Guadagnerà tra i cinquemila e i diecimila dollari. Non male. Negli ultimi quattro anni, secondo i suoi calcoli, è riuscito ad accaparrarsi ben dieci lavori diversi attraverso le app di incontri.

Come si legge su Market Watch, l’utilizzo di app per appuntamenti come Match.com, Tinder o i tanti siti online di incontri potrebbero sembrare un modo trovare l’anima gemella non convenzionale, ma sta di fatto che stanno lentamente diventando la normalità.

I siti di incontri, chiaramente, guadagnano da chi è in cerca di amore, ma alcuni utenti hanno capito che possono avere di più e sperano che i loro appuntamenti non finiscano solo con baci e amore, ma con offerte di lavoro o proposte commerciali.

I milioni di single che fanno parte del settore di incontri online da quasi due milioni di dollari sembrano ora prendere in mano la situazione. Se non trovano l’amore al loro prossimo incontro, cosa c’è di sbagliato nel buttare lì sul banco la propria merce migliore in fatto di lavoro?

Che problema c’è nel parlare delle speranze per la propria vita professionale? O delle proprie infelicità sul posto di lavoro? D’altronde se fossi profondamente insoddisfatto del tuo posto di lavoro, preferiresti un secondo appuntamento o un colloquio di lavoro? Un dubbio amletico per molti, ma di facile soluzione per tanti altri.

Molly Anne, una terapeuta comportamentale di Los Angeles di 24 anni, è un esempio perfetto: ha provato sulla sua pelle che significa incontrare qualcuno in cerca di fortuna (lavorativa). Tutto sembrava bellissimo quando ha incontrato un uomo alto un metro e ottanta, moro, occhiali neri dalla montatura spessa in una pizzeria di LA.

Hanno iniziato a parlare di lavoro, tanto che l’argomento è diventato predominante. A un certo punto – racconta la ragazza – l’appuntamento si è trasformato in “lascia che ti dica come sto cercando di diventare famoso”. Un po’ imbarazzante come incontro, ha confessato Molly, che a fine serata si è ritrovata con un biglietto da visita in mano: “Cantante, compositore, attore e gentiluomo”.

E certo questo non è un fenomeno prettamente statunitense. Sono sempre più le persone che nel mondo vedono nelle app di incontri la possibilità di fare carriera. Jesse Rasoesoe, uno specialista di marketing venticinquenne di Johannesburg, in Sud Africa, non stava cercando un nuovo lavoro su Tinder, ma la donna che ha incontrato online gli ha offerto comunque un’intervista.

“Ha visto il mio profilo e ha detto che lavora nelle relazioni umane per una società di marketing a Johannesburg e stava cercando qualcuno con il mio background per una posizione aperta”, ha detto. Dopo diverse email, la sua conoscenza di Tinder gli ha mandato un’offerta di lavoro.

Il mondo degli appuntamenti online è un ottimo “livellatore sociale”. Danno alle persone il tempo e il modo di incontrarsi quando questo sarebbe stato praticamente impossibile.

Ma sono gli stessi siti di incontri a espandersi e a guardare proprio al mercato del lavoro. Alcuni ex dirigenti di Tinder hanno recentemente creato Ripple, un’app progettata per competere con LinkedIn, il tradizionale sito di social media per il networking professionale. L’anno scorso, Bumble ha lanciato Bumble Bizz, un altro sito simile a LinkedIn.

Bumble ha notato che le persone sono spesso interessate a una nuova opportunità professionale, oltre che personale. “Le app di incontri sono diventate la normalità per incontrare le persone dal punto di vista professionale”, ha dichiarato Alex Williamson, Chief Brand Officer di Bumble. “È un modo comodo per raggiungere e conoscere qualcun altro”.

I potenziali datori di lavoro possono imparare molto sugli altri attraverso i loro profili e le loro foto, inclusi il loro carattere, la loro personalità e persino la loro ortografia.

Ma sta accadendo anche il contrario. Ci sono molte persone che trovano l’amore in posti online che niente hanno a che fare con i siti di appuntamenti.

Sconosciuti si connettono su Spotify attraverso le loro playlist musicali e su Instagram attraverso immagini e hashtag. Facebook ha persino lanciato un servizio per le persone single per creare profili di appuntamenti e connettersi attraverso eventi locali e chat private.

Il mix di lavoro e appuntamenti è, però, pieno di insidie. Le persone dovrebbero essere chiare sulle loro intenzioni, soprattutto perché i segnali contrastanti potrebbero mettere entrambe le parti in una situazione di disagio, ha detto Megan Bruneau, terapeuta e life coach.

Non è certamente consigliabile avere rapporti intimi con qualcuno che incontri in un’app di appuntamenti, se quello diventa un tuo subordinato.

Campagna regione lazio

Inoltre, trasformare una relazione intima in un professionista non è facile, specialmente nell’era di #MeToo, dove è sempre più facile riconoscere comportamenti inappropriati sul luogo di lavoro, ha detto Bureau.

Basti pensare che un terzo delle relazioni nate in ufficio finisce con il licenziamento di una delle due, come risulta da un recente sondaggio.

E se la persona che hai conosciuto su un’app di incontri dovesse diventare in futuro un collega? Ecco, il consiglio è di non esagerare con messaggi e chiamate notturne e con tutto ciò che un domani potrebbe essere usato contro di te.