Me

Ospedale Reggio Calabria, mancano i gessi. Le fratture vengono steccate con i cartoni

Immagine di copertina
"Nemmeno in un ospedale del terzo mondo si vedono queste cose", la denuncia dei sindacati

Al Grande ospedale metropolitano (Gom) di Reggio Calabria per steccare le fratture si utilizzano cartoni. I sindacati denunciano: “Nemmeno in un ospedale del terzo mondo si vedono queste cose”. ospedale calabria fratture cartoni

I pazienti dell’ospedale calabrese che si presentano al pronto soccorso con fratture, lussazioni o distorsioni vengono “curati” con stecche di cartone e altre soluzioni di fortuna. Niente gessi, docce gessate o tutori per proteggere le ossa e i tessuti molli che hanno subito delle lesioni quindi.

Il personale della struttura denuncia la situazione che esiste già da molto tempo. Il quotidiano Corriere della Calabria ha riportato la notizia e ha spiegato che questa soluzione di curare le fratture è una pratica adottata soprattutto la notte. Il reparto di Ortopedia infatti dopo le 20 è chiuso, aperto solamente 12 ore al giorno, è stato inaugurato meno di due anni fa.

Il personale medico del Grande ospedale metropolitano (Gom) di Reggio Calabria ha dichiarato: “Il Pronto soccorso non procede con l’approvvigionamento del materiale perché la farmacia dell’ospedale impone precisi limiti di spesa, in ossequio alle direttive del direttore generale Frank Benedetto e alla necessità di raggiungere il pareggio di bilancio”.

Gianluigi Scaffidi, il segretario aziendale del sindacato Anaao-Assomed, ha commentato: “nemmeno in un ospedale del terzo mondo gestito dai medici di Emergency si vedono queste cose. Non capisco come il primario del Pronto soccorso possa consentire questi obbrobri e restare al suo posto”.

“I medici di Ortopedia, da parte loro sono al limite della sopportazione. Sono loro, alla riapertura del reparto, a dovere rimediare alle soluzioni adottate dal Pronto soccorso. Disservizi che si sommano a tutti gli altri. Quella di Ortopedia, così come molte altre unità dell’ospedale, è diventata il principale punto di riferimento della provincia, a causa dello smantellamento del reparto di Melito Porto Salvo, dell’operatività a singhiozzo di quello di Locri e dell’esiguità dei posti letto disponibili a Polistena”.