Me
L’effetto degli operatori low-cost: prezzi giù del 20 e 60 per cento in più di GB
Condividi su:
Operatori low-cost

L’effetto degli operatori low-cost: prezzi giù del 20 e 60 per cento in più di GB

La prima grande conseguenza dell'avvento dei carrier a basso costo sono un calo drastico degli abbonamenti e ricaricabili e un aumento di dati per Internet

31 Lug. 2018
Operatori low-cost

Con l’avvento dei nuovi operatori low cost in Italia il primo risultato è quello di un calo netto del prezzo dei canoni mensili. Ma non solo, perché sono in corposo aumento i gigabyte nel pacchetto dati incluso.

Questa è la conclusione in sintesi dell’indagine condotta del sito SOStariffe.it, punto di riferimento sulla comparazione delle offerte in ambito mobile.

Gli operatori low-cost e la rivoluzione del mercatoIliad, ho.mobile e compagnia hanno creato un vero e proprio terremoto nell’ambito degli operatori telefonici italiani. Hanno abbassato in modo netto e sensibile il prezzo ed è aumentato, nel contempo, il bundle del traffico dati a disposizione dell’utente

Più competizione vuol dire, dunque, abbassamento di costi a vantaggio degli utenti con più libertà avendo un pacchetto assai competitivo.

L’esempio più classico è quello di Iliad che per €5,99 al mese offre 30 gigabyte per navigare sul territorio italiano (ma c’è una nuova opzione). Qualcosa che fino a pochi mesi fa era pressoché impossibile da immaginare.

Le conseguenze dell’avvento degli operatori low-cost – Il risultato è che negli ultimi 60 giorni i costi sono scesi ben del 20,5% mentre la quantità di gigabyte offerti aumentato del 60%.

Anche se non vengono più considerati molto per via di WhatsApp e soci, gli sms sono aumentati del 13,5% così come i minuti in conversazione del 29,5% per telefonare a tutti i numeri.

Per quanto riguarda i costi, quello mensile medio è passato da 12,41 a 9,11 euro in media e i minuti da 1853 a 2232, mentre gli sms da 904 a 1190, infine gigabyte sono aumentati da 12 a 19 al mese.

Quale sarà il futuro degli operatori low-cost – Le conseguenze sono dunque chiare. Ma quanto continuerà questa corsa al ribasso del costo e all’aumento dell’offerta? In realtà potrebbe essere già stato raggiunto l’apice.

Inoltre gli operatori economici andranno ad aumentare il costo dopo questo inizio promozionale. Tuttavia, anche con un piccolo incremento, per l’utente è stata e sarà una vera e propria rivoluzione all’insegna della convenienza.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus