Me
“Voglio che si ricordi di me”: una presentatrice BBC malata di cancro scrive al figlio di 2 anni
Condividi su:
presentatrice bbc cancro
Rachel Bland è malata terminale, ma questo non le impedisce di scrivere un'autobiografia perchè il figlio si ricordi di lei.

“Voglio che si ricordi di me”: una presentatrice BBC malata di cancro scrive al figlio di 2 anni

La giornalista è malata terminale: spera che il suo libro, colmo di memorie e perle di saggezza, possa far sì che il suo bambino si ricordi sempre di lei

28 Lug. 2018
presentatrice bbc cancro
Rachel Bland è malata terminale, ma questo non le impedisce di scrivere un'autobiografia perchè il figlio si ricordi di lei.

“Per Fred”. Si intitola così il libro di memorie che la presentatrice della BBC Rachel Bland sta scrivendo per il suo bambino, Freddie, di 2 anni. Nel 2016, alla donna di 39 anni è stato diagnosticato un cancro al seno che la porterà via troppo presto dal figlio e dal marito, Steve.

Da allora Rachel, che ha lavorato in un notiziario della BBC per 15 anni, ha aperto un blog, Big C, Little Me, in cui racconta il proprio percorso tra chemioterapie e ospedali. Del proprio cancro parla anche nel podcast della BBC You, Me & The Big C. Della sua lotta contro il tumore racconta anche sul suo profilo Instagram, @bigclittleme. 

Allo stesso tempo, però, Rachel sta preparando un libro molto speciale: una propria autobiografia informale, una serie di racconti della propria vita, consigli di vita e perle di saggezza da lasciare al figlio Freddie.

La presentatrice ha spiegato a The Times le ragioni per cui ha deciso di preparare questo libro. “Ora ha un’età in cui non si ricorderà molto di me. Voglio solo assicurarmi che possa avere un’idea di com’ero, una volta cresciuto”.

I consigli della presentatrice al figlio

Rachel, che in un tweet annuncia di star cercando un editore che le pubblichi il libro in modo che il figlio possa sempre avere una nuova copia, in caso perdesse l’originale, ha tante cose da dire al suo bambino, prima di andare.

I consigli che vuole dare al piccolo Freddie vanno dalla ricerca della felicità allo sviluppo di una carriera, ma tra le sue pagine, una volta cresciuto, il bambino potrà trovare anche l’amore incondizionato di una madre nelle parole che Rachel usa oggi per descrivere il figlio di due anni.

“Ridere fa bene all’anima. Spero che riderai sempre nel futuro quanto ridi ora. Al momento trovi te stesso e un sacco di altre cose talmente divertenti da ridere finché non stai male. Adoro vederti essere tanto felice e scoprire il tuo senso dell’umorismo. Abbine sempre cura”, scrive la presentatrice a Freddie.

Tra le pagine, poi, c’è la storia di come la mamma ha incontrato il papà, di come sia arrivata 45 minuti in ritardo al proprio matrimonio ma anche di come adori guardare film che hanno ricevuto valutazioni negative dai critici cinematografici.

“Potrebbe essere per la mia natura testarda. Vedo già che l’hai ereditata anche tu. Non mi piace che mi venga detto cosa mi piace e cosa non mi piace. E questa è una buona cosa,” scrive Rachel al bambino nel primo capitolo del suo libro di memorie.

Il libro, però, non è solo per Freddie o per il marito Steve. “Vorrei che il mio spirito aiuti anche le altre persone che stanno combattendo contro il tumore o che hanno in qualche modo a che fare con questa malattia per via di un parente o un amico. Non possiamo, nemmeno nel dolore, perdere di vista l’amore e l’attaccamento alle cose più importanti della nostra vita”, ha detto a The Times. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus