Me
L’annuncio sulla bacheca dell’Università di Pisa: “Affitto camera, ma solo a italiani”
Condividi su:
pisa affitto solo italiani
Il volantino con l'annuncio sulla bacheca dell'ateneo di Pisa.

L’annuncio sulla bacheca dell’Università di Pisa: “Affitto camera, ma solo a italiani”

La proprietaria di casa si è giustificata affermando che "gli stranieri hanno esigenze diverse"

28 Lug. 2018
pisa affitto solo italiani
Il volantino con l'annuncio sulla bacheca dell'ateneo di Pisa.

“Affittasi camera singola con cucina, bagno e lavatrice, a 200 metri dal Cnr, solo a maschi italiani”.
Questo l’annuncio apparso sulla bacheca del Polo didattico delle Piagge dell’Università di Pisa e notato da una ex studentessa dell’ateneo, intervistata da Repubblica.it Firenze.

Il quotidiano non ha esitato a chiamare il numero indicato sul volantino affisso in bacheca. Si è rivolto ai proprietari della camera in affitto e la padrona di casa ha risposto al giornalista di Repubblica commentando così l’annuncio: “La camera è ancora libera e nell’appartamento ci sono altri due ragazzi. Uno di loro è qui da diversi anni e vorremmo affittare a un altro maschio”.

Poi, nel momento in cui il giornalista ha chiesto chi se avesse qualcosa in contrario con chi proviene da altri paesi, la donna ha risposto: “Siamo tutti uguali ma, insomma, credo che gli inquilini, che sono italiani, si trovino meglio con altri italiani. Gli stranieri hanno delle esigenze diverse”.

La scelta di affittare a soli “maschi italiani” – spiega ancora – la donna non sarebbe maturata a causa di esperienze negative pregresse, avute appunto con inquilini di nazionalità non italiana. A far propendere la donna per una scelta “nazionalista” sarebbe una sorta di consuetudine. “La verità – confessa la donna – è che per scelta ho sempre affittato solo a italiani”.

È rimasta sbigottita, invece, la ex studentessa che ha trovato l’annuncio sulla bacheca dell’ateneo toscano.
“Io alloggiavo nella casa dello studente dei Praticelli, dove ho avuto modo di trascorrere le giornate con giovani provenienti da tutto il mondo: francesi, albanesi, moldavi, romeni, siriani. La ricchezza stava proprio nella possibilità di confrontarsi con altre realtà”, ha spiegato la ragazza.

“Ho sempre pensato che Pisa fosse una delle città più multiculturali d’Italia”, ha aggiunto. Qualche anno fa “nessuno si sarebbe mai sognato di mettere un cartello dal sapore tanto razzista. Magari, se si fosse fatto avanti qualche straniero, la proprietaria avrebbe finto di aver già affittato la stanza”, si legge ancora su Repubblica.it.

“Oggi invece, tutto sembra lecito e naturale. Con la politica di Matteo Salvini e della Lega, tutto è concesso e sono stati sdoganati anche l’odio e la paura nei confronti del diverso”, ha concluso la ragazza.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus