Me
Ferrero cerca novanta “assaggiatori di Nutella”
Condividi su:
assaggiatori nutella
Una scena del film "Lezioni di cioccolato", 2007.

Ferrero cerca novanta “assaggiatori di Nutella”

L'azienda dolciaria piemontese è in cerca di novanta "giudici sensoriali" per testare prodotti base e semilavorati

26 Lug. 2018
assaggiatori nutella
Una scena del film "Lezioni di cioccolato", 2007.

Ferrero cerca novanta assaggiatori di Nutella. E il sogno di tanti può ora diventare realtà. L’azienda di Alba ha pubblicato, infatti, un annuncio di lavoro in cui chiede a non addetti ai lavori di testare i prodotti più celebri della casa dolciaria.

Per lo più si tratterà di assaggiare semilavorati e materie prime: non solo cacao, ma anche granella di nocciola. Insomma, tutti gli ingredienti essenziali che costituiscono la base dei celebri prodotti del colosso dolciario piemontese.

In termini tecnici si chiamano “giudici sensoriali”, ma di tecnico non hanno proprio niente. Infatti nell’annuncio di lavoro, Ferrero specifica che non c’è nessuna esperienza richiesta. Due giorni a settimana, per dure ore, ad Alba.

L’annuncio è stato pubblicato da Openjobmetis per conto della Soremartec Italia Srl, che è la società di sviluppo e ricerca della Ferrero. Quello del giudice sensoriale è un profilo necessario in aziende come il colosso dolciario piemontese. La novità è che l’azienda apre ora ai “non addetti ai lavori”.

Fino a oggi, infatti, la Ferrero si era affidata a dipendenti esterni. Pare, però, che l’idea sia proprio quella di scegliere del personale nuovo e inesperto da formare per i test.

Sull’annuncio si legge che la Sorematic cerca persone a cui interesserebbe “imparare a gustare cacao, granella di nocciola e altri prodotti semilavorati dolci”. Per candidarsi bisognerà inviare il curriculum vitae all’indirizzo email alba@openjob.it.

Quello che l’azienda offre è un corso di formazione retribuito che avrà “l’obiettivo di educare il senso dell’olfatto e del gusto e migliorare la capacità di esprimere a parole ciò che si percepirà con gli assaggi dei prodotti semilavorati”.

I novanta fortunati selezionati, “ritenuti idonei”, frequenteranno, quindi, un corso di formazione di tre mesi (che partirà il prossimo trenta settembre) l’educazione sensoriale.

Di questi novanta che parteciperanno al corso, alla fine dei tre mesi ne saranno scelti solo quaranta. Alla fine del corso saranno in grado di utilizzare i termini giusti per indicare le sensazioni che proveranno nel degustare i prodotti. Saranno loro i nuovi “giudici” della Ferrero.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus