Me

Che cosa diceva Demi Lovato sulla sua dipendenza da alcol, eroina e del disturbo bipolare

La popstar è stata ricoverata per overdose. Già in passato ha avuto problemi con l'alcol e le sostanze stupefacenti

Immagine di copertina
La cantante è stata ricoverata in ospedale per overdose.

In più occasioni Demi Lovato ha fatto cenno alla sua lotta contro l’abuso di sostanze stupefacenti e ai suoi problemi di salute mentale.

Dopo il suo ricovero in ospedale per un’overdose, le parole della popstar assumono oggi un significato diverso.

Già nel 2013, la star della Disney ha dichiarato ad Access Hollywood di avere toccato il fondo la prima volta a diciannove anni.

“Stavo andando all’aeroporto e avevo una bottiglia di Sprite piena di vodka. Erano solo le nove del mattino e vomitavo in macchina. Stavo per salire su un aereo che mi avrebbe riportato a Los Angeles, nella comunità di recupero per alcolisti”, ha detto Lovato.

“Ho ricevuto tutto l’aiuto del mondo in quel momento, ma non volevo”, ha continuato la 25enne.

I problemi in famiglia

È stata anche la situazione familiare della popstar a pesare sulle sue condizioni che, nel tempo, sono peggiorate. L’anno scorso, ospite del talk show britannico di Jonatan Ross, la 25enne ha confessato che i rapporti con i genitori sono diventati difficili ormai da qualche anno.

“Sapevo di avere tutta la vita davanti, ma uno dei motivi principali che mi spingeva a restare sobria era che potevo stare vicino alla mia sorellina”.

“Mia madre e mio padre mi dissero che potevo stare con lei solo così e se avessi continuato a fare quello che facevo prima mi avrebbero vietato di vederla”, ha detto ancora la popstar.

Durante i momenti più bui della sua vita, però, la famiglia non ha lasciato sola Demi. Ed è stata lei stessa ad ammettere come parenti e amici più stretti l’abbiano aiutata nei periodi più difficili.

“La mia famiglia, i miei amici più intimi e il mio manager sono sempre stati al mio fianco per tutto”, ha detto. “Non sarei qui senza di loro. Anche i miei fan sono stati importanti: sento che mi hanno dato una ragione per vivere e sarò per sempre grata per questo”.

La lotta quotidiana per rimanere sobri

L’anno scorso la cantante di Sorry Not Sorry è stata anche premiata con lo Spirit of Sobriety Award durante l’appuntamento annuale della Brent Shapiro Foundation per Drug Prevention Summer Spectacular.

“Ogni giorno è una battaglia”, aveva detto. “Devi solo affrontare quella battaglia giorno per giorno. Alcuni giorni sono più facili di altri: ti dimentichi di bere e fare uso di sostanze”, continuava.

“Io sto lavorano non solo sulla salute fisica, ma anche su quella mentale”, aggiungeva la popstar che ammetteva di aver iniziato a vedere il suo terapeuta due volte a settimana.

“Mi assicuro di prendere i farmaci, vado alle riunioni degli alcolisti anonimi, faccio quello che posso in palestra, ne faccio una priorità”, continuava la popstar.
Il disturbo bipolare

Come conferma la CNN, nel 2015, Lovato è stata portavoce della campagna Be Vocal: Speak Up for Mental Health e su Women’s Health aveva parlato di cosa significasse convivere con i problemi di salute mentale.

“Ricordo di essermi seduta con il mio manager e la mia famiglia e di aver discusso con loro se fosse il caso o meno di parlare pubblicamente dei problemi con cui avevo a che fare parlare loro se parlare o meno dei problemi con cui avevo a che fare”, ha detto.

“Sapevo di avere due opzioni: avrei potuto non parlare dei periodo di riabilitazione che stavo affrontando e sperare che andasse via oppure avrei potuto rendere pubblici i miei problemi, spronare a chiedere aiuto chi aveva a che fare con le stesse difficoltà. Ho fatto esattamente questo”.

La ricaduta dopo sei anni 

Il mese scorso Lovato ha pubblicato Sober, la canzone in cui ha rivelato di aver avuto una ricaduta.

“Sono così dispiaciuto di non essere più sobria / E mi dispiace per i fan che ho perso nel guardarmi cadere di nuovo / Voglio essere un modello, ma sono umana”, ha cantato Lovato.

Campagna regione lazio

In un tweet, la cantante ha diffuso un video della sua emozionante performance della canzone a Lisbona, in Portogallo.

“Stasera sono salito sul palco, sono una nuova persona con una nuova vita”, ha twittato. “Grazie a tutti coloro che mi hanno sostenuto durante questo viaggio, non lo dimenticherò mai”.