Me
L’ambasciata USA a Londra mette all’asta 1200 rotoli di carta igienica
Condividi su:
asta ambasciata usa londra

L’ambasciata USA a Londra mette all’asta 1200 rotoli di carta igienica

A partire dal 30 luglio, l'ambasciata statunitense venderà molti oggetti bizzarri al miglior offerente

26 Lug. 2018
asta ambasciata usa londra

Le offerte partono a 100 sterline. Così, dal 30 luglio un fortunato acquirente potrebbe vincere all’asta 1200 rotoli di carta igienica che appartengono al momento all’ambasciata USA a Londra, oltre a tantissimi altri bizzarri oggetti di cui la rappresentanza statunitense vuole liberarsi.

Dalle 8 del mattino di lunedì 30 luglio alle 4 di pomeriggio di giovedì 8 agosto, la delegazione americana mette in vendita tramite asta online tutte le cose che non servono loro.

L’ha annunciato l’ambasciata stessa con un comunicato sul loro sito internet. L’asta, fanno notare, sarà tenuta seguendo il regolamento del Dipartimento di Stato statunitense.

Tra i vari lotti che saranno messi all’asta si trovano le cose più disparate. C’è una lampada di ceramica il cui prezzo di partenza sono 10 sterline, una sega circolare della Bosch da 30 sterline, un set per scannerizzare i codici a barre da 30 sterline, cento pacchi da dodici rotoli di carta igienica “mini jumbos”, una macchina fotografica Sony Mavica da una sterlina e cinque aspiratori Dyson definiti “riparabili” a partire da cinque sterline.

C’è anche una Volvo usata ad un minimo di 1800 sterline.

Il probabile motivo dietro a questa strana asta online è il trasferimento dal vecchio edificio che ospitava l’ambasciata, a Grosvenor Square nel cuore del quartiere Mayfair, a un palazzo completamente nuovo a Nine Elms, in un’ex zona industriale.

La nuova ambasciata, che è stata descritta come uno “sbrilluccicante cubetto di zucchero”, è un edificio moderno ed estremamente ecologico: il tetto è coperto di pannelli solari, un sistema permette di raccogliere e riciclare l’acqua piovana e un altro di sfruttare il calore proveniente dal suolo. I suoi muri sono in vetro, ma ricoperti di etilene tetrafluoroetilene, un tipo di plastica traslucida che permette all’edificio di non surriscaldarsi al sole.

Il progetto è stato iniziato nel 2007 e inaugurato nel 2017.

Non è soltanto l’ambasciata USA a Londra a tenere un’asta bizzarra, però: sono diverse le delegazioni statunitensi in giro per il mondo che hanno optato per quest’opzione. Due si stanno tenendo, al momento, in Albania e Macedonia e un’altra si terrà a Stoccolma.

A Tirana, capitale dell’Albania, gli statunitensi hanno messo all’asta qualcosa di forse più sconcertante di 1200 rotoli di carta igienica: undici generatori di energia, tre automobili e diversi copertoni.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus