Me
Il primo attrito tra Harry e Meghan è per uno smoking
Condividi su:
meghan markle
Il duca di Sussex ha vietato alla duchessa, Meghan Markle, di indossare un abito maschile, non previsto dal protocollo.

Il primo attrito tra Harry e Meghan è per uno smoking

Il duca avrebbe detto "no" all'abito maschile firmato da Stella McCartney che Meghan avrebbe voluto indossare nel viaggio ufficiale in Australia

24 Lug. 2018
meghan markle
Il duca di Sussex ha vietato alla duchessa, Meghan Markle, di indossare un abito maschile, non previsto dal protocollo.

C’è un primo attrito tra il principe Harry e Meghan Markle e a provocarlo è stato uno smoking. Secondo quanto si legge sul Daily Mail, però, a indossare il tipico vestito maschile sarebbe dovuta essere Meghan.

Al centro dell’incomprensione tra i due sarebbe stato il divieto da parte del principe di far indossare il vestito dal taglio maschile a Meghan in occasione del Royal tour in Australia, paese del Commonwealth, che i due faranno il prossimo ottobre.

Il primo “no” di Harry alla star di Hollywood arriva nel momento in cui la moglie gli ha presentato la lista degli abiti che avrebbe indossato in occasione del viaggio in Australia.

Sembra che Harry non abbia gradito la scelta stilistica della moglie e che abbia posto il veto chiedendole di “attenersi a un abbigliamento più tradizionale”.

Niente smoking di Stella McCartney per Meghan, quindi, che partirà con degli abiti selezionati assieme al marito.

Uno smoking (quella volta di Alexander McQueen), Meghan l’aveva già indossato al fianco di Harry. Era lo scorso febbraio, però, e i due non erano ancora marito e moglie.

Stavolta Meghan si recherà in Australia per rappresentare la Royal Family e no, non potrà trasgredire al protocollo.

Sempre sul quotidiano britannico si legge che il principe pare sia stato invitato addirittura da Kensington ad intervenire sull’abbigliamento della moglie.

Meghan dovrebbe “smetterla di vestirsi come una hollywoodiana”. L’invito del Palazzo è dunque quello di “seguire di più i dettami reali”, abbandonando le vecchie abitudini.

Il dress code dei Reali, si sa, è molto rigido e da Kensington si chiede che la duchessa si adegui, indossando gonne più lunghe – almeno fino al ginocchio – e calze coprenti (le gambe delle Reali, infatti, non dovrebbero mai essere nude, secondo il protocollo).

Meghan, però, pare non esser incline all’obbedienza di certe regole. Già nei giorni scorsi aveva manifestato un certo fastidio per alcune regole, ritenute “difficili” dall’ultima arrivata in casa Windsor.

Continua a sfidare il protocollo della Royal Family, Meghan che non riesce a rinunciare in tutto e per tutto al suo stile. Anche in Australia, dove la coppia Reale andrà per partecipare agli Invictus Games, la duchessa avrebbe voluto trasgredire.

Nonostante alla partenza manchino ancora più di due mesi, tutto deve essere programmato con largo anticipo. E, soprattutto, tutto dovrà essere rispettoso delle regole rigide e inflessibili del protocollo.

In occasione del breve tour dell’Australia, i due visiteranno anche le Fiji, Tonga e la Nuova Zelanda. Gli occhi saranno puntati ancora sulla duchessa, sempre al centro dell’attenzione dei media, pronti a sottolineare l’ennesimo sgarro del protocollo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus