Me
Erdogan accusa Israele: “Paese più fascista e razzista al mondo” e Netanyahu risponde
Condividi su:
erdogan israele paese fascista
Credit: Afp

Erdogan accusa Israele: “Paese più fascista e razzista al mondo” e Netanyahu risponde

Le parole del presidente turco fanno seguito all'approvazione da parte del governo israeliano di una legge che stabilisce che Israele è uno Stato "esclusivamente ebraico"

24 Lug. 2018
erdogan israele paese fascista
Credit: Afp

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan ha pronunciato parole dure contro il governo israeliano.

L’uomo forte della Turchia ha definito Israele il paese “più fascista e razzista al mondo”.

Il commento del presidente Erdogan fanno riferimento alla controversa legge approvata pochi giorni fa che stabiliscono che Israele è lo “Stato-nazione del popolo ebraico”.

“Questa misura ha mostrato senza lasciare alcun dubbio che Israele è lo Stato più sionista, fascista e razzista al mondo”, ha detto il presidente Erdogan, nel corso di un intervento di fronte a un gruppo parlamentare ad Ankara.

Il governo turco si era opposto alla legge ancora prima che venisse approvata, parlando di “diritti universali calpestati” e attaccando la “mentalità anacronistica e discriminatoria” di Israele.

Alle parole di Erdogan ha fatto seguito la risposta del premier israeliano, Benjamin Netanyahu.

“La Turchia sotto la guida di Erdogan si trasforma in una dittatura oscura” e il presidente turco ha “trucidato i siriani e i curdi”.

La legge approvata da Israele

La “legge sullo Stato-nazione ebraico” stabilisce che l’arabo non sarà più considerata la lingua ufficiale e che la costruzione di nuovi insediamenti è considerato un interesse nazionale.

Inoltre, secondo la nuova legge, la città di Gerusalemme è considerata la capitale dello Stato ebraico nella sua completezza.

Il disegno di legge è stato approvato con il sostengo del partito di destra che governa il paese e stabilisce che “Israele è la patria storica del popolo ebraico che ha un diritto esclusivo all’autodeterminazione nazionale”.

Per il premier Netanyahu, l’approvazione della legge rappresenta un momento importante per Israele, mentre è stata fortemente criticata dalla componente araba del Parlamento.

Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, ha definito la legge un tentativo di promuovere “la superiorità etnica attraverso politiche razziste”.

In Israele ci sono circa 9 milioni di arabi, che compongono il 20 per cento della popolazione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus