Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Erdogan accusa Israele: “Paese più fascista e razzista al mondo” e Netanyahu risponde

Le parole del presidente turco fanno seguito all'approvazione da parte del governo israeliano di una legge che stabilisce che Israele è uno Stato "esclusivamente ebraico"

Immagine di copertina
Credit: Afp

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan ha pronunciato parole dure contro il governo israeliano.

L’uomo forte della Turchia ha definito Israele il paese “più fascista e razzista al mondo”.

Il commento del presidente Erdogan fanno riferimento alla controversa legge approvata pochi giorni fa che stabiliscono che Israele è lo “Stato-nazione del popolo ebraico”.

“Questa misura ha mostrato senza lasciare alcun dubbio che Israele è lo Stato più sionista, fascista e razzista al mondo”, ha detto il presidente Erdogan, nel corso di un intervento di fronte a un gruppo parlamentare ad Ankara.

Il governo turco si era opposto alla legge ancora prima che venisse approvata, parlando di “diritti universali calpestati” e attaccando la “mentalità anacronistica e discriminatoria” di Israele.

Alle parole di Erdogan ha fatto seguito la risposta del premier israeliano, Benjamin Netanyahu.

“La Turchia sotto la guida di Erdogan si trasforma in una dittatura oscura” e il presidente turco ha “trucidato i siriani e i curdi”.

La legge approvata da Israele

La “legge sullo Stato-nazione ebraico” stabilisce che l’arabo non sarà più considerata la lingua ufficiale e che la costruzione di nuovi insediamenti è considerato un interesse nazionale.

Inoltre, secondo la nuova legge, la città di Gerusalemme è considerata la capitale dello Stato ebraico nella sua completezza.

Il disegno di legge è stato approvato con il sostengo del partito di destra che governa il paese e stabilisce che “Israele è la patria storica del popolo ebraico che ha un diritto esclusivo all’autodeterminazione nazionale”.

Per il premier Netanyahu, l’approvazione della legge rappresenta un momento importante per Israele, mentre è stata fortemente criticata dalla componente araba del Parlamento.

Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, ha definito la legge un tentativo di promuovere “la superiorità etnica attraverso politiche razziste”.

In Israele ci sono circa 9 milioni di arabi, che compongono il 20 per cento della popolazione.