Me
Matteo Barbieri, il ragazzo scomparso nove giorni fa a Roma, è stato trovato morto
Condividi su:
matteo barbieri morto

Matteo Barbieri, il ragazzo scomparso nove giorni fa a Roma, è stato trovato morto

Il ragazzo era scomparso nella notte fra l’11 e il 12 luglio

23 Lug. 2018
matteo barbieri morto

Matteo Barbieri, il ragazzo di diciotto anni scomparso nove giorni fa a Roma, è stato trovato morto.

Il corpo del ragazzo è stato trovato nel pomeriggio da un contadino in una fossa su via Braccianese.

I poliziotti del commissariato Flaminio hanno identificato il corpo.

Matteo Barbieri era scomparso nella notte fra l’11 e il 12 luglio, dopo essere uscito dal ristorante “Capperi!”, sulla Balduina, dove lavorava come cameriere.

Dopo nove giorni di ricerche Matteo Barbieri è stato trovato senza vita.

Il giovane, terminato il servizio, era salito a bordo della sua moto, una Honda rossa e si era diretto ad Anguillara, dove viveva con un amico.

Accanto al cadavere del giovane è stata trovata una moto, probabilmente quella di Matteo.

Il corpo è stato ritrovato all’altezza del civico 304, al km 4 della Braccianese. Si ipotizza un incidente stradale ma gli accertamenti sono ancora in corso.

Una volta uscito dal ristorante dove faceva il cameriere Matteo aveva inviato un messaggio alla sua fidanzata Diana, per avvertirla che stava rientrando dal lavoro. “Amore sono appena uscito dal lavoro e sto tornando a casa”, si legge nell’sms.

A casa Matteo Barbieri non è mai tornato, da allora erano scattate le ricerche della famiglia e degli amici, oggi è stato ritrovato il cadavere.

L’amico con cui Matteo viveva lo aveva visto uscire intorno alle 16:30 per recarsi al lavoro.

Matteo era uscito di casa per raggiungere il ristorante in moto. Alle 23:43 la madre aveva ricevuto un suo messaggio di buona notte. I colleghi camerieri lo avevano visto uscire dal locale dopo mezzanotte e mezza. Orario in cui la fidanzata Diana aveva ricevuto l’sms in cui Matteo la informava che stava rientrando a casa dopo il turno di lavoro.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus