Me
Arriva Ghostbusters World, il gioco in realtà aumentata come Pokèmon Go
Condividi su:
ghostbusters gioco realtà aumentata
Il film cult del 1984 è tornato nelle sale nel 2016 e sarà presto una app per smartphone

Arriva Ghostbusters World, il gioco in realtà aumentata come Pokèmon Go

Due anni dopo il lancio di Pokèmon Go, il nuovo gioco in realtà aumentata permetterà di catturare fantasmi annidati nel mondo reale

23 Lug. 2018
ghostbusters gioco realtà aumentata
Il film cult del 1984 è tornato nelle sale nel 2016 e sarà presto una app per smartphone

Pokèmon Go, ma con i fantasmi. È questo il concetto alla base di Ghostbusters World, il nuovo gioco per smartphone in realtà aumentata frutto di una collaborazione tra Sony Pictures Entertainment Consumer ProductsGhost Corps e FourThirtyThree Inc.

Il nuovo gioco era stato già annunciato  in febbraio durante un evento dedicato alla piattaforma ARCore, lo strumento di Google per la realtà aumentata. Al San Diego Comic-Con 2018, la convention annuale dedicata al mondo di cinema, serie TV e fumetti più grande degli Stati Uniti, è però stato spiegato meglio il funzionamento di questa app che punta a superare i limiti di Pokèmon Go.

Ecco il trailer:

Serie cult degli anni ’80 ideata da Ivan Reitman, Ghostbusters ha accompagnato l’infanzia di milioni di persone ed è tornato alla ribalta negli ultimi anni.

Nel 2016, infatti, un remake del film originale in cui i cacciatori di fantasmi sono interpretati da donne ha fatto molto parlare di sé ed è stato investito dalle critiche perché, presumibilmente, troppo simbolo del “politicamente corretto”.

Ma i Ghostbusters sono apparsi anche nella serie Netflix di grande successo Stranger Things, famosa per il suo rendere omaggio a fenomeni culturali di massa degli anni ’80.

Ora, il gioco Ghostbusters World apre la strada a una serie di nuovi giochi per smartphone basati fortemente sull’utilizzo della realtà aumentata.

Inizialmente, questa tecnologia innovativa era appannaggio soltanto della società di sviluppo software statunitense Niantic, che ha lanciato la prima app di questo genere, Ingress, nel 2016, e ha raggiunto successo globale con Pokémon Go, uscito nel 2016.

Da quando Google ha aperto ai programmatori la possibilità di utilizzare la propria piattaforma Maps per integrare le proprie app, però, era solo questione di tempo prima che cominciassero ad apparire nuovi videogiochi che utilizzano questa tecnologia.

Così, Ghostbuster World sembra essere esattamente come Pokémon Go: i giocatori dovranno muoversi nel mondo reale, seguendo una mappa sul proprio schermo che ricalca esattamente la geografia della propria città, alla caccia di fantasmi che appariranno di tanto in tanto sul loro schermo grazie al proprio “zaino protonico”, proprio come nei film.

Gli zaini protonici saranno disponibili a diversi livelli di potenza e i giocatori potranno sposatarsi tra portali dimensionali dove fare scorta di energia. Si potrà addirittura fare collezione di ecoplasmi incontrati lungo la strada.

Se tutto questo suona molto simile a Pokémon Go, ci sono alcune funzionalità in Ghostbusters World che promettono di superare i limiti presenti nel gioco di Niantic. Ci sarà, ad esempio, una modalità PvP (Player versus Player) in cui i giocatori potranno sfidare direttamente i propri amici, una modalità Storia scritta dagli editori dei fumetti di Ghostbusters e una chat interna al gioco.

Inoltre, la grafica farà un salto di qualità con la presenza di edifici in 3D ottenuti grazie a Google Maps.

La data di rilascio del gioco non è però stata ancora, per il momento, rivelata.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus