Me
La frase shock di Berlusconi su Balotelli: “A me una che va con un negro mi fa schifo” | Video
Condividi su:
berlusconi balotelli

La frase shock di Berlusconi su Balotelli: “A me una che va con un negro mi fa schifo” | Video

Il video, depositato agli atti del processo Ruby ter, è stato girato di nascosto da una delle "olgettine"

23 Lug. 2018
berlusconi balotelli

“A me una che va con un negro mi fa schifo”. È la frase shock pronunciata da Silvio Berlusconi in una serata a villa San Martino con alcune delle “olgettine”.

La conversazione risale al 2011 ed è stata registrata di nascosto da Marysthell Polanco, una delle ragazze che partecipavano alle serate di Arcore. Il filmato era già stato depositato agli atti del processo Ruby ter nel 2016, e se ne conosceva un precedente estratto in cui Berlusconi rispondeva alle pressanti richieste delle ragazze che gli chiedevano un lavoro.

Questo nuovo estratto, finora sconosciuto, è stato diffuso dal sito giustiziami.it

L’ex Cavaliere, nel suo commento razzista, si riferisce a Mario Balotelli e a Raffaella Fico. “A me una che va con un negro mi fa schifo”, dice Berlusconi.

Marysthell Polanco obietta di essere nera anche lei. “Ma no, tu sei abbronzata”, replica Berlusconi.

“Riteniamo sia doveroso darne conto – scrive il sito giustiziami.it – considerato il ruolo pubblico che Berlusconi ancora ha, in un momento in cui il tema del razzismo è di lampante attualità. A Mario Balotelli la massima solidarietà per quello che forse non avrebbe voluto sentire e che invece fa ancora tristemente parte dell’armamentario para-umoristico italiano”.

Un’altra parte del video, come detto, era già stata diffusa in passato. Berlusconi spiegava alle olgettine come non fosse in suo potere trovargli un lavoro in televisione.

“Io non sono presidente di niente a Mediaset, sono fuori da Mediaset da 18 anni”, diceva l’ex Cavaliere alle ragazze.

Qui il video con la frase shock su Balotelli e Raffaella Fico:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus