Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Minacce e uno striscione di Forza Nuova contro il locale dello scontrino omofobo

Dopo il licenziamento del cameriere, i proprietari della Locanda Rigatoni a Roma hanno ricevuto minacce di morte e di danni al locale

Immagine di copertina
Lo striscione di Forza Nuova apposto fuori dal locale romano: "Licenziato dalla vostra omofollia".

Minacce di morte e striscioni di Forza Nuova contro i proprietari della Locanda Rigatoni a Roma che hanno licenziato il cameriere responsabile dello scontrino omofobo indirizzato a una coppia gay.

I gestori del locale hanno diffuso una nota in cui si legge: “Ieri è stato un susseguirsi di telefonate violente e volgari e non poche minacce di morte e di danni al locale, che pertanto oggi resterà chiuso”.

Attacchi che arrivano anche e soprattutto sui social network, come sottolineano ancora i proprietari della Locanda nella nota. Ma non solo: “Stamattina ci siamo ritrovati uno striscione omofobo e razzista di Forza Nuova di fronte il nostro locale, che è stato poi rimosso da noi stessi”.

“Licenziato dalla vostra omofollia”, si legge sullo striscione apposto dal movimento di estrema destra. “La vicenda dello scontrino ci offende come imprenditori, come lavoratori e come cittadini”, si legge ancora nella nota della Locanda.

I proprietari della Locanda Rigatoni sottolineano, infatti, come “le conseguenze di un atto inqualificabile di una persona che è stata prontamente allontanata, stanno coinvolgendo le famiglie nostre e dei nostri lavoratori”.

Dai gestori del ristorante arrivano ancora le scuse alla coppia omosessuale a cui lo scontrino omofobo era diretto e “la richiesta di un confronto e di un percorso condiviso con la comunità Lgbt, in modo tale che episodi vergognosi come quello capitato non possano e non debbano più ripetersi”.

A rispondere è Fabrizio Marrazzo del Gay Center, che non si accontenta delle scuse “tardive” della Locanda e chiede che il locale venga chiuso.

“Il licenziamento del dipendente da parte delle Locanda Rigatoni dopo lo scontrino omofobo, è un’azione tardiva fatta dai proprietari, solo a seguito del nostro interventi, dei media e della campagna di boicottaggio lanciata dal web che ha visto il rate del loro locale passare da 4,5/5 a circa 1,5/5”, ha affermato Marrazzo.

Come sottolinea il responsabile di Gay Center, “la proprietaria quando è stata informata giovedì invece di sanzionare immediatamente il dipendente e scusarsi, ha fatto 30 minuti di discussione senza mai scusarsi”.

I locali con licenza pubblica, come spiega ancora Marrazzo, “non possono effettuare azioni discriminatorie verso i clienti, per colore della pelle, per religione, per orientamento sessuale, etc., chi lo fa va sanzionato”.

“Ringraziamo il Comune – prosegue il portavoce del Gay Center – per l’intervento di controllo che andrà ad effettuare, ed attendiamo di conoscere le sanzioni che verranno attuate”.