Me

La videoanimazione che mostra come è avvenuto il salvataggio dei ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia

I 12 ragazzi e il loro allenatore hanno lasciato l'ospedale il 18 luglio dopo essere stati messi in quarantena e sottoposti ad esami medici

Immagine di copertina
Il video

Un nuovo video di animazione mostra nel dettaglio in che modo la squadra di calcio che ha tenuto con il fiato sospeso la Thailandia è stata soccorsa e tratta in salvo.

I 12 ragazzi, tra gli 11 e i 16 anni, e il loro allenatore hanno lasciato l’ospedale in cui erano ricoverati il 18 luglio, dopo essere stati estratti dalla grotta in cui erano rimasti intrappolati dal 23 giugno.

Inizialmente i medici avevano detto che tutto il gruppo avrebbe lasciato l’ospedale il 19 luglio, ma la data è stata anticipata.

Una volta estratti dalla grotta, infatti, sono stati tutti messi in quarantena e non hanno potuto riabbracciare subito i propri familiari, che hanno potuto vedere solo attraverso un vetro.

I ragazzi e il loro allenatore erano rimasti intrappolati per oltre due settimane in una grotta in Thailandia. Le operazioni di soccorso si sono concluse nel pomeriggio del 10 luglio, dopo che i soccorritori hanno tratto in salvo anche l’allenatore dei ragazzi, uscito per ultimo dalla grotta.

Le operazioni erano iniziate il 9 luglio 2018, ma gli ultimi membri della squadra hanno rivisto la luce del sole il giorno dopo.

I ragazzi, di età compresa tra gli 11 e i 16 anni, fanno parte di una squadra di calcio giovanile.

Il 23 giugno 2018 i piccoli calciatori si sono avventurati con il loro allenatore 25enne nella grotta e a causa delle piogge monsoniche che hanno ostruito l’ingresso principale sono rimasti intrappolati all’interno.

Per oltre una settimana il gruppo è rimasto bloccato nella caverna senza avere nessun contatto con l’esterno. La comitiva è stata ritrovata il 2 luglio, ma per iniziare a condurre i ragazzi e l’allenatore all’esterno si è dovuta attendere quasi una settimana.

Secondo quanto raccontato dai soccorritori, ad aver aiutato i ragazzi a sopravvivere per tutti questi giorni nelle grotte sarebbe stata la meditazione buddista insegnata loro dall’allenatore.

Una volta usciti dalla grotta, i primi ragazzi hanno chiesto di poter mangiare il pad kra pao, un piatto di riso fritto con pollo e basilico tipico della Thailandia.