Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Auto del futuro, su quale tecnologia investire?

La direzione che sta prendendo il settore automobilistico è tutta verso le auto elettriche. Che futuro hanno le alternative?

Immagine di copertina
Credit: Jens Kalaene/ZB

Il settore automobilistico sta vivendo un periodo storico di transizione, con le auto a gas che si affiancano alle tradizionali combustibili, e le grandi case e le istituzioni che spingono per l’adozione dell’e-car.

Money.it ha redatto un report per capire dove sta andando il futuro dell’auto.

Prendendo in considerazione gli annunciati stop alla circolazione e le prossime limitazioni che coinvolgeranno auto a benzina e, più in là, quelle a gas, sono state avanzate previsioni sul mercato di Diesel, benzina, GPL, metano, ibrida ed elettrica, quindi dal tipo più obsoleto a quello più adatto alla mobilità del futuro.

Nell’infografica che segue si può vedere il percorso dell’automobile da qui ai prossimi 50 anni.

Cosa è emerso? Che il settore automobilistico va in una sola direzione a zero emissioni, e le auto alternative hanno già la strada tracciata. Ecco su cosa bisogna investire:

Sul Diesel fino al 2036, dopodiché andranno fuori produzione e non ci saranno vantaggi per chi le acquista, a meno che aziende come Mercedes e Volkswagen non diano loro una seconda vita con l’ibrido Diesel.

Sulla benzina fino al 2043: dopo il diesel sarà la benzina a uscire di scena. Ci aspettiamo altri 25 anni di circolazione, tra limitazioni al traffico e costi sempre più alti.

Sul Gpl fino al 2048: confermato la terza scelta degli italiani dopo benzina e Diesel, il Gpl è ideale se si vuole risparmiare sui costi e inquinare di meno. Ha davanti a sé circa 30 anni di circolazione di cui al massimo 10 in cui potrebbe incontrare limitazioni e difficoltà.

Sul Metano fino al 2053: rappresenta la 4^ fetta più grande del mercato il metano, che ha una prospettiva di vita pari a circa 35 anni, poi sarà superato dall’ibrido e dall’elettrico.

Sull’ibrida fino al 2058: l’auto ibrida è il presente e il futuro prossimo, un primo approccio all’elettrico applicato sia su benzina che Diesel. Le auto ibride costituiscono il più accreditato ponte verso una mobilità completamente a zero emissioni e hanno ancora 40 anni di circolazione davanti.

Sull’elettrica oltre il 2060: è lei l’auto del futuro. In alcuni paesi è già una realtà affermata, e sarà questa la direzione che percorrerà il mercato delle 4 ruote per almeno mezzo secolo.

In Italia la transazione sarà più lunga ma avverrà, anche grazie agli incentivi statali, alle limitazioni nei confronti dei motori a scoppio e all’introduzione di infrastrutture ad hoc.

L’unica possibilità di vederle tramontare potrebbe essere costituita da nuove tecnologie più pulite o efficienti, una eventualità al momento non contemplata, visto che neanche le auto a idrogeno fuel cell sembrano costituire una vera alternativa a causa di costi elevati e complessità per produrre l’idrogeno come combustibile.

L’infografica: