Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il fondatore della comunità per profughi Don Zanotti è stato accusato di abusi sessuali

Un ragazzo che risiedeva nella comunità "Aoasi 7" ha accusato il frate di averlo violentato, minacciato e pestato

Immagine di copertina
Don Zanotti

Un ragazzo straniero ha denunciato padre Antonio Zanotti, il fondatore della comunità di accoglienza per profughi e minori in difficoltà chiamata “Oasi 7”, per violenze sessuali.

L’avvocatessa del giovane, Laura Sgrò, ha depositato presso il Vaticano e la procura di Roma alcuni video e foto dal contenuto sessuale che mostrano don Zanotti e il ragazzo che ha sporto denuncia.

Secondo quanto raccontato dal ragazzo, che si trova al momento in luogo sicuro, e come riportato dal Corriere della Serail frate lo aveva costretto ad essere il suo amante dietro minaccia.

Inoltre, don Zanotti è accusato di aver picchiato la sua vittima quando il ragazzo, che ha anche cercato di togliersi la vita, ha provato a scappare.

Il ragazzo ha vissuto per4 anni nella comunità gestita dal frate e alle sue accuse si sono unite anche quelle di altri due giovani.

La vittima delle violenze è arrivato in Italia all’età di 6 anni dopo essere stato adottato, ma ha passato diversi anni in collegio perché i suoi genitori lo consideravano “un bambino complicato”.

Nella denuncia si legge che il ragazzo si era sentito “accolto dal frate e dalla comunità, ma notai subito l’eccessivo lusso nel quale era abituato a vivere padre Zanotti, molto lontano dai costumi francescani”.

“Per circa un anno svolsi attività lavorativa in cambio di solo vitto e alloggio, nonostante padre Zanotti mi avesse promesso una assunzione regolare in tempi brevi presso la cooperativa ‘Rinnovamento’ di Antegnate in provincia di Bergamo”.

I primi approcci sessuali, racconta il ragazzo, sono iniziati dopo 3 mesi con “abbracci e inviti a bere nella sua stanza”.

Il giovane spiega di non essere stato in grado di opporsi.

“Padre Zanotti cominciò a farmi dei regali costosi, qualunque cosa chiedessi me la acquistava. Se accondiscendevo alle sue richieste, mi faceva trovare dei soldi”.

“Mi costrinse a prendere del Viagra”, continua il ragazzo nella denuncia”.

“Mi diceva sempre: ‘Ci vogliono i soldi, caro mio, io ne ho tanti e tu non hai niente'”.

Nella denuncia si legge che il ragazzo aveva lasciato la comunità a causa delle violenze e delle minacce, ma aveva fatto ritorno dopo un anno, rassicurato dal prete stesso che la situazione sarebbe cambiata.

“Ebbi assegnato un alloggio che contribuii a rifinire con le mie prestazioni lavorative, ma fu l’inizio della fine. Padre Zanotti divenne ancora più possessivo e geloso nei miei confronti”.

A causa del “degrado umano” in cui si era ritrovato a causa del prete, il ragazzo aveva lasciato nuovamente la struttura, ma padre Zanotti lo aveva ritrovato e picchiato, secondo quanto racconta il giovane.