Me
Maccarese, il mistero del coccodrillo nel canale alimenta l’ironia sui social
Condividi su:
Maccarese, mistero coccodrillo nel canale
Credit: Afp/Leemage

Maccarese, il mistero del coccodrillo nel canale alimenta l’ironia sui social

Gli avvistamenti durano da mesi ma dell'alligatore ancora nessuna traccia. Al lavoro i carabinieri e la forestale

16 Lug. 2018
Maccarese, mistero coccodrillo nel canale
Credit: Afp/Leemage

Un coccodrillo si aggira per Maccarese. È la voce di inizio estate, alimentata dai racconti di alcuni testimoni che avrebbero visto un alligatore tra i canali della località balneare vicino Ostia, tra via Campo Salino e via delle Tamerici.

L’animale sarebbe stato avvistato da operatori agricoli e residenti, in particolare nelle prime ore del mattino.

Secondo quanto riportato dal Messaggero, uno dei primi a notare l’animale è stato un dipendente storico dell’azienda agricola dei Benetton, Carlino Ferri, all’inizio del mese di luglio.

“Una settimana fa, saranno state le 5 del mattino ero su via Campo Salino prima delle Vasche di Maccarese. A qualche decina di metri davanti a me sulla strada ha attraversato uno strano animale. Era grande, solo la coda sarà stata lunga due metri, sembrava proprio un coccodrillo, finora ho evitato di raccontarlo, mi avrebbero preso per matto”, ha dichiarato al quotidiano romano.

Poi le testimonianze sono aumentate. Come scritto dal Messaggero, due stranieri sarebbero finiti con l’auto in un canale per avere cercato di evitare “un grosso animale con la coda lunga” mentre l’autista di un camion per il trasporto del latte avrebbe incrociato lo scorso 3 luglio un “varano o alligatore, poteva essere qualsiasi cosa… ma di certo era molto grosso”. E ora è spuntata anche una foto, che ritrae un’ombra sott’acqua e alimenta le suggestioni.

Anche se la prime testimonianze risalgono a due mesi fa, dell’animale non è ancora stata trovata traccia. Sono al lavoro i carabinieri di Fregene, insieme alla Forestale, per eventuali verifiche sul campo. “Tutto può essere, non sarebbe la prima volta che qualcuno abbandona un rettile cresciuto troppo in casa”, è stato il commento del Wwf del litorale romano.

Che esista o meno, l’alligatore ha scatenato l’ironia dei social. Su Facebook è stato aperto il gruppo “Il coccodrillo di Maccarese”, che ha inventato la storia dell’animale: il coccodrillo sarebbe di origine veneta e non avrebbe alcuna voglia di andarsene dalle acque del canale.

“Speriamo che il coccodrillo de Maccarese venga a Roma e se magni tutti quelli che me stanno antipatici”, si legge in un post. “Ma quale coccodrillo sarà una nutria un po’ troppo cresciuta vista la monnezza che c’è in giro…”, è l’ipotesi di un altro utente.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus