Me
È uscito il nuovo singolo di Fabio Rovazzi. Ed è già un tormentone | VIDEO
Condividi su:
Rovazzi Faccio quello che voglio
Il nuovo singolo di Fabio Rovazzi

È uscito il nuovo singolo di Fabio Rovazzi. Ed è già un tormentone | VIDEO

13 Lug. 2018
Rovazzi Faccio quello che voglio
Il nuovo singolo di Fabio Rovazzi

E’ uscito il nuovo singolo di Fabio Rovazzi: “Faccio quello che voglio”. Canzone, il cui audio è stato diffuso nella notte tra il 12 e il 13 luglio, che in poche ore ha già raccolto migliaia di ascolti e che si candida ad essere un altro tormentone dopo “Andiamo a comandare” e “Volare”.

Il ritornello rimane impresso e trapanerà le nostre orecchie, il videoclip (non ancora pubblicato) invece è un cortometraggio, di 9 minuti e mezzo. “Ora sogno un film scritto, diretto e interpretato da me”, le parole di Rovazzi a Tgcom24.

Singolo che ha visto la partecipazione di Al Bano, Emma e Nek. “Sono brutto e non so cantare, così ho pensato di rubare le cose che mi mancano: la voce e la bellezza”, ha scherzato.

Discorso diverso per il video che inizia con Gianni Morandi che davanti a una canna da pesca svela un segreto a Rovazzi, in piena crisi creativ: l’esistenza di un caveau che custodisce la “pozione magica”. Fabio si fa quindi promotore di un piano diabolico, entra in banca e ruba le boccette contenenti il talento di alcuni artisti.

Guest star Al Bano, Carlo Cracco, Eros Ramazzotti, Fabio Volo, Rita Pavone, Massimo Boldi, Roberto Pedicini e Diletta Leotta e Flavio Briatore.

Insomma, Rovazzi è tornato e (molto probabilmente) ha fatto ancora centro. A voi il giudizio:

Capitolo rapporti con Fedez. “Non mi piace parlare dei fatti miei – le parole di Rovazzi -. Sarò sempre grato a Fedez per quello che ha fatto per me, per la spinta che mi ha dato all’inizio, per la mano che mi ha dato durante il mio percorso”.

“Le amicizie – ha proseguito – nascono, crescono, corrono e a volte inciampano: in questo caso siamo inciampati perché abbiamo in mente delle idee differenti, io ho delle velleità totalmente diverse dalle sue. Spero che i rapporti si risanino con il tempo. Stop”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus