Me

Vertice Nato 2018 | Trump esclude l’uscita dalla Nato: “Non è necessario, fatti passi avanti”

Il summit che riunisce i capi di Stato e di governo dei 29 paesi dell'Alleanza Atlantica si tiene a Bruxelles dall'11 al 12 luglio 2018

Immagine di copertina
Il quartier generale della NATO

Mercoledì 11 e venerdì 12 luglio la NATO ospita il primo vertice nel suo quartier generale a Bruxelles.

Durante il summit, i capi di Stato e di governo che appartengono all’Alleanza Atlantica sono chiamati a discutere delle sfide in materia di sicurezza e a proporre iniziative per migliorare le capacità della NATO nella gestione delle crisi internazionali.

DIRETTA

Giovedì 12 luglio 

ore 14.30 – Conte: “Italia non cambia suoi impegni di spesa per la Nato”. “L’Italia conferma gli impegni di spesa per la Nato: ha ereditato impegni di spesa che non abbiamo alterato, non ci sarà nessuna spesa aggiuntiva”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conti, durante la conferenza stampa al vertice dell’Alleanza Atlantica.

“Abbiamo deliberato che non ci saranno altri contributi rispetto a quanto già predeterminato da tempo”, ha aggiunto.

ore 13.25 – Macron smentisce Trump: “Nessun accordo su aumento spese militari”. Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha smentito il presidente Usa, Donald Trump, il quale ha sostenuto che gli Alleati della Nato abbiano deciso di aumentare le spese per la difesa oltre i precedenti obiettivi. Lo riferisce l’agenzia Associated Press.

ore 12.50 – Trump: “Conte ha vinto elezioni grazie a politiche forti sui migranti”. “Giuseppe Conte ha vinto le elezioni per le sue forti politiche sull’immigrazione”.  Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un passaggio della conferenza stampa in corso a Bruxelles al quartier generale della Nato.

Trump stava rispondendo a una domanda sulle proteste in corso in Gran Bretagna legate alla sua visita a Londra, e ha detto che “in Gran Bretagna mi amano per mie politiche sulla immigrazione”, aggiungendo che anche anche in Italia “Giuseppe Conte ha vinto le elezioni grazie alle sue forti politiche sulla immigrazione”.

ore 12.20 – Trump: “Non è necessario uscire dalla Nato, fatti passi avanti”. “Molti paesi si sono impegnati a spendere di più” per la Nato. Lo ha detto in conferenza stampa il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a Bruxelles, dove è in corso il vertice dell’Alleanza Atlantica.

Trump si è detto “molto felice” del risultato raggiunto. “Questa è una Nato più forte di di due giorni fa”, ha aggiunto, spiegando che i paesi alleati si sono impegnati a spendere 33 miliardi in più in totale. Trump ha quindi escluso l’eventualità di uscire dalla Nato: “Al momento non è necessario”.

ore 11.25 – Trump minaccia di uscire dalla Nato senza un aumento delle spese militari. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe minacciato di uscire dalla Nato se gli alleati non dovessero farsi carico delle spese militari richieste dagli Usa. Lo scrive l’agenzia di stampa tedesca Dpa citando una fonte che sta seguendo le discussioni della seconda sessione del vertice in corso a Bruxelles.

Mercoledì 11 luglio

ore 16.00 – Trump contro tutti sulle spese militari. La spesa nella Difesa dei 29 Ppaesi membri Nato sembra ormai diventata il fulcro del summit dell’Alleanza, apertosi oggi a Bruxelles. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha attaccato gli alleati perché, a suo dire, non spendono abbastanza e approfittano degli Usa.

“Gli Stati Uniti pagano troppo”, ha twittato il capo della Casa Bianca, “non è giusto per i contribuenti americani”. A suo dire, gli europei, con in prima fila la Germania, e poi anche il Canada non rispettano il loro impegno di destinare il 2 per cento del Pil nazionale alle spese militari.

ore 14.30 – Conte: “Pericolo foreign fighters dall’immigrazione”. L’Italia teme “minacce sul fronte Sud per quanto riguarda il terrorismo, sono minacce molto significative”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, arrivando al vertice Nato di Bruxelles.

“Anche dalla stessa immigrazione potrebbero arrivare pericoli di foreign fighters”, ha aggiunto il premier.

Conte ha sottolineato che l’Italia è al vertice della Nato “per confermare la sua fedeltà all’Alleanza”. “Questo vertice serve a prendere atto dei passi fatti per l’allargamento a Est dell’alleanza, ma anche per ribadire l’interesse dell’Italia e degli italiani a rafforzare il fronte Sud dell’alleanza”, ha detto il presidente del Consiglio.

ore 13.15 – Merkel: “La politica della Germania è libera”.  La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha dichiarato che il suo paese libero e indipendente e decide senza interferenza esterna la sua politica. Markel ha parlato poche ore dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva descritto Berlino come “ostaggio” della Russia per la fornitura energetica.

“Personalmente ho sperimentato che una parte della Germania era controllata dall’Unione Sovietica e sono molto grata che ora siamo uniti nella libertà nella Repubblica Federale. Motivo per cui possiamo dire che adottiamo la nostra politica indipendente e prendiamo le nostre decisioni in modo indipendente. E questo va bene”, ha detto al suo arrivo al vertice dei leader della Nato a Bruxelles.

ore 12.30 – Trump: “Germania prigioniera della Russia”. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lanciato un attacco pungente alla Germania all’inizio del vertice della Nato a Bruxelles, affermando che un accordo di gas “inadeguato” con Mosca l’ha resa “prigioniera” della Russia.

“La Germania è prigioniera della Russia perché sta ricevendo così tanta energia da Mosca”, ha detto Trump a colazione con il capo della Nato, Jens Stoltenberg. “Pagano miliardi di dollari alla Russia e dobbiamo difenderli contro la Russia”.

Il vertice Nato

I vertici dell’Organizzazione non hanno una cadenza regolare, ma sono occasioni importanti per prendere decisioni importanti ai livelli più alti dell’Alleanza.

Questi incontri sono utili per proporre nuove politiche, invitare nuovi membri all’interno dell’Organizzazione e costruire nuove partnership con paesi che non appartengono alla NATO.

Dal 1949, anno della fondazione della NATO, ad oggi, i vertici sono stati 27.

L’ultimo ha avuto luogo a maggio del 2017, a Bruxelles.

Nel summit dell’11 e 12 luglio, l’Unione europea è rappresentata dal presidente Donald Tusk, dal presidente Jean-Claude Juncker e dall’alto rappresentante Federica Mogherini.

I temi

Il vertice è l’occasione per affrontare i temi legati alla cooperazione tra Unione europea e la NATO.

Al centro del tavolo ci sono la mobilità militare, la cibersicurezza, le minacce ibride, la lotta al terrorismo, la sicurezza e il ruolo delle donne.

Il prossimo vertice non sarà privo di tensioni. Il presidente statunitense Donald Trump ha inviato di recente alcune lettere ai suoi alleati atlantici per ricordare loro che sono necessari maggiori investimenti.

Tutti gli Stati che fanno parte della NATO, infatti, dovrebbero spendere il 2 per cento del loro Pil in difesa, ma quasi nessuno al momento sta rispettando gli impegni presi.

Il nuovo governo Conte deve invece chiarire la sua posizione rispetto alcune questioni, come il rapporto con la Russia e l’impegno italiano nella missione in Afghanistan.

Il governo Lega-M5S infatti ha spesso espresso la sua opposizione all’imposizione di nuove sanzioni contro la Russia.

Altro punto all’ordine del giorno è anche l’Iran, dopo l’abbandono degli Stati Uniti del patto per il nucleare iraniano.

Dopo quanto accaduto in occasione del G7 in Canada, che ha visto contrapporsi il presidente Trump e l’omologo canadese Trudeau, si teme che anche durante il vertice NATO possano esserci delle forti frizioni tra i paesi presenti.

Inoltre, pochi giorni dopo la conclusione del vertice, il presidente americano incontrerà Putin a Helsinki, in Finlandia.

La NATO

L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord, o North Atlantic Treaty Organization, è un organismo internazionale per la collaborazione nell’ambito della difesa.

Nata nel 1949 alla fine della Seconda Guerra Mondiale, attualmente conta 29 paesi membri.

Alla base dell’Alleanza c’è il reciproco sostegno in caso di attacco da parte di una potenza nemica, identificata alla nascita dell’Organizzazione nell’Unione Sovietica.

Gli organi principali della NATO sono il Consiglio di sicurezza, l’Assemblea parlamentare e il Segretariato generale.