Me
Zoro risponde a Travaglio: “Grazie per avermi confermato che non c’è nulla di certo su Ong e scafisti”
Condividi su:
zoro travaglio risposta
Diego Bianchi e Marco Travaglio

Zoro risponde a Travaglio: “Grazie per avermi confermato che non c’è nulla di certo su Ong e scafisti”

Diego Bianchi ha risposto al direttore del Fatto Quotidiano, che in un editoriale si era rivolto proprio a lui presentando presunte prove sulle collusioni tra Ong e trafficanti di esseri umani

11 Lug. 2018
zoro travaglio risposta
Diego Bianchi e Marco Travaglio

“Ringrazio Marco Travaglio per la puntuale e articolata risposta alle domande da me postegli ieri. La conferma da parte sua del fatto che di ‘acclarato’ e ‘addirittura rivendicato’ circa il legame tra ‘alcune Ong e gli scafisti’ non ci sia nulla è molto importante”.

Non si è fatta attendere la risposta di Zoro all’articolo pubblicato oggi dal direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio. Quella di Travaglio era a sua volta una risposta ad un tweet di Zoro, il quale si chiedeva quali fossero questi legami “acclarati” tra Ong e scafisti di cui aveva parlato Travaglio in un precedente articolo.

Travaglio, nel suo editoriale di oggi, definisce Diego Bianchi, sardonicamente, “spiritoso showman” che “pensa di fare informazione con tweet e magliette”, per poi elencare tutte le ragioni per le quali, a suo parere, i legami tra Ong e scafisti sono provati al di là delle eventuali conseguenze penali.

L’argomentazione non deve aver convinto molto il conduttore di Propaganda Live, che ne ha tratto anzi la conclusione opposta, ovvero che Travaglio non abbia alcuna prova di queste collusioni delle organizzazioni non governative con i trafficanti di esseri umani.

I toni di Zoro sono comunque molto più pacati rispetto a quelli del direttore del Fatto Quotidiano, pur non lesinando alcune staffilate ironiche.

“Sui social sono noioso, scrivo poco, litigo ancor meno. Non amo toni maleducati e concetti urlati e mi dispiace se qualcuno ha esagerato. Detto ciò, l’incipit sulla ‘corte di ‘rottweiler che popolano’ il mio profilo, lo interpreto come una severa, seppur tardiva autocritica’. Il passaggio su ‘chi pensa di fare informazione a colpi di show, magliette e tweet e chi prova a farla documentandosi e studiando’ mi trova d’accordo”.

“All’analisi e alla critica di questo deplorevole andazzo – continua Diego Bianchi nel suo post su Facebook – abbiamo dedicato una trasmissione tv nonché il nome della stessa. Infine, invito Marco Travaglio a salire a bordo di una Ong a caso nel momento in cui queste saranno di nuovo in grado di tornare in mare. È un’esperienza molto bella, dal punto di vista umano e professionale, della quale sono certo mi ringrazierà.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus