Me

C’è stato un attentato dei Taliban in Pakistan: 20 morti, tra cui un candidato alle elezioni

Un kamikaze si è fatto esplodere durante un comizio elettorale: tra le vittime c'è Haroon Bilour, candidato del partito laico Anp

Immagine di copertina
Haroon Bilour era stato più volte preso di mira dai Taliban. Credit: Afp

Almeno 20 persone, tra cui un importante esponente politico locale, sono morte in un attentato suicida avvenuto nelle prime ore di martedì 11 luglio 2018 a Peshawar nel nord-ovest del Pakistan.

Un kamikaze si è fatto esplodere durante un comizio in vista delle elezioni legislative in programma il 25 luglio.

L’attentato è stato rivendicato dai Taliban pakistani. Ci sono anche 65 feriti, alcuni dei quali in condizioni critiche.

Nell’esplosione ha perso la vita, tra gli altri, Haroon Bilour, candidato del Partito nazionale Awami (Anp), che in passato era già stato preso di mira dai ribelli islamici per dimostrare la sua opposizione a gruppi come i talebani.

Anche suo padre, Bashir Bilour, è stato ucciso in un attentato suicida compiuto alla fine del 2012, nel periodo precedente alle ultime elezioni pakistane.

L’Ano è un partito nazionalista pashtun prevalentemente laico, che da tempo si contende il potere con i partiti islamici nelle terre pashtun del Pakistan, lungo il confine con l’Afghanistan.

L’Isis ha compiuto numerosi attacchi contro questo partito nel corso degli anni, anche nel periodo precedente alle elezioni del 2013.

I Taliban pakistani, un gruppo omogeneo di bande militanti e settarie, sono conflitto con lo stato pakistano da oltre un decennio, prendendo di mira in particolare il partito Anp.

“L’anti-islamismo dell’Ano non è nascosto a nessuno, e questo partito secolare ha martirizzato molti membri della comunità musulmana durante il suo precedente governo”, ha detto il portavoce militante dei Talibam, Mohammad Khurasani, in una dichiarazione.

Haroon Bilour, il candidato morto nell’attentato kamikaze, sperava di assicurarsi un seggio in parlamento nelle prossime elezioni.

Nel complesso, la violenza in Pakistan è diminuita negli ultimi anni dopo diverse offensive militari contro le fortezze militanti islamiche nel nord-ovest, ma molti combattenti sono fuggiti nel vicino Afghanistan, da dove vengono lanciati attacchi in Pakistan.