Me
In Russia mostrare la bandiera arcobaleno può costare il carcere, ma questi attivisti hanno trovato il modo di aggirare il divieto durante i Mondiali 2018
Condividi su:
mondiali russia bandiera arcobaleno lgbt
The Hidden Flag

In Russia mostrare la bandiera arcobaleno può costare il carcere, ma questi attivisti hanno trovato il modo di aggirare il divieto durante i Mondiali 2018

Sei attivisti hanno organizzato un'originale forma di protesta contro i soprusi nei confronti delle persone Lgbt in Russia, usando le maglie delle loro nazionali di calcio

10 Lug. 2018
mondiali russia bandiera arcobaleno lgbt
The Hidden Flag

Sei attivisti hanno organizzato una forma originale di protesta contro i soprusi nei confronti delle persone Lgbt in Russia. I membri della campagna The Hidden Flag hanno indossato ciascuno la maglia della sua nazionale ai Mondiali 2018 e si sono messi in fila per comporre la bandiera arcobaleno.

La Russia è uno dei paesi più omofobi al mondo, e mostrare i simboli della comunità Lgbtq è proibito. Tra questi simboli c’è la bandiera arcobaleno, ideata da Gilbert Baker nel 1978. Mostrarla in pubblico, in Russia, può valere una condanna al carcere, perché questo simbolo è classificato come “propaganda gay”.

Ciononostante, sei attivisti di sei paesi diversi hanno trovato il modo di rendere la bandiera dei diritti Lgbtq visibile durante i mondiali in Russia.

Per questo, hanno indossato le maglie delle nazionali di Spagna, Olanda, Brasile, Messico, Argentina e Colombia, e sono stati in giro per la Russia festeggiando sia la Coppa del Mondo sia il mese dedicato all’orgoglio Lgbtq, contro la politica omofoba del governo russo.

Qui sotto il video della campagna Hidden Flag:

Gli attivisti sono Marta Márquez, Eric Houter, Eloi Pierozan Junior, Guillermo León, Vanesa Paola Ferrario, and Mateo Fernández Gómez.

Ecco alcune delle loro foto, condivise dagli utenti su Twitter con l’hashtag TheHiddenFlag:

Nel 2013 in Russia è stata approvata una legge allo scopo di proteggere i valori della famiglia tradizionale dalla “propaganda gay”. La comunità Lgbtq in Russia è osteggiata causa dell’atteggiamento poco favorevole da parte del governo e della società russa.

Leggi anche: Cosa vuol dire essere giovani e gay in Russia oggi

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus