Me
Le regole del protocollo che Trump dovrà seguire per il primo incontro con la Regina Elisabetta
Condividi su:
trump regina regole protocollo reale
La sovrana britannica e il presiedete degli Stati Uniti

Le regole del protocollo che Trump dovrà seguire per il primo incontro con la Regina Elisabetta

Il presidente statunitense Donald Trump incontrerà la regina Elisabetta II al castello di Windsor per la prima volta il 13 luglio

07 Lug. 2018
trump regina regole protocollo reale
La sovrana britannica e il presiedete degli Stati Uniti

L’incontro segnerebbe la prima visita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel Regno Unito, da quando è entrato alla Casa Bianca da leader.

Nella sua visita a Londra prevista per venerdì 13 luglio, Trump incontrerà anche la premier Theresa May.

Ma in tanti si chiedono come Donald Trump si dovrà comportare quando incontrerà Sua Maestà la Regina al castello di Windsor.

La Regina ha fatto la conoscenza di quasi tutti i presidenti degli Stati Uniti dal 1945, a partire da Harry Truman che ha incontrato mentre visitava Washington, DC come principessa nel 1951.

Ci sono molte regole che Trump dovrà seguire quando incontrerà per la prima volta la sovrana britannica, alcune delle quali sono più rigide di altre.

“Anche se non si tratta di una visita a pieno titolo, sarà un incontro tra due capi di stato, saranno quindi osservate le formalità” , dice a The Independent Rupert Wesson, direttore dell’accademia Debrett, che dal 1779 istruisce la nobiltà britannica.

“Ci saranno una manciata di sottili differenze, ma non molte, per esempio, la Regina tende a non stringere la mano a tutti quelli che incontra. Ma, in questo caso sarebbe sorprendente se non lo facesse”.

La Regina dovrebbe ospitare Trump al Castello di Windsor venerdì 13 luglio, il castello rimarrà chiuso al pubblico per tutto il giorno.

“Non è tanto il fatto di incontrare la Regina, ma piuttosto di essere presentato a lei (in genere da uno dei suoi cortigiani)”, spiega il signor Wesson.

“In questo caso, probabilmente diranno: ‘Vostra Maestà, posso presentare il signor Donald Trump'”.”È consuetudine a questo punto che gli uomini si inchinino”.

La famiglia reale ha delineato il modo corretto con cui rivolgersi alla Regina, consigli che Trump dovrà prendere in considerazione prima della sua visita.

Quando saluterà la sovrana per la prima volta, il presidente dovrà chiamarla “Vostra Maestà”.

Trump probabilmente si inchinerà alla regina dal collo, mentre la First Lady Melania dovrà rivolgersi alla Regina con un piccolo inchino.

A seconda di come la Regina decide di ricevere il presidente, la coppia potrebbe anche stringerle la mano.

“Le regole non sono ufficiali o scritte”, spiega l’esperto di galateo Grant Harrold, altrimenti noto come “The Royal Butler“.

“Il presidente Trump non dovrà offrire la sua mano alla Regina per una stretta di mano, ma dovrà aspettare che la regina offra la stretta di mano per prima”.

“Solo allora potrà accettare e dovrà ricordare che la presa non potrà essere troppo stretta o troppo debole, dopodiché le mani tornano posizionate sui fianchi”.

Poiché si tratta del loro primo incontro, il signor Harrold sospetta che la coppia discuterà argomenti generali piuttosto che argomenti personali.

È stato riferito che Trump parteciperà anche a una cena al Blenheim Palace nell’Oxfordshire durante la sua visita nel Regno Unito, con la tenuta che rivela sul suo sito web che il palazzo, il parco e i giardini saranno chiusi l’11 e il 12 luglio.

Mentre la festa sarà presumibilmente ospitata da Theresa May e frequentata da un assortimento di dirigenti d’azienda in contrapposizione ai membri della famiglia reale, Trump continuerà a seguire alcune regole in linea con l’etichetta formale della cena.

Tuttavia, mentre molti potrebbero aver ipotizzato che qualsiasi contatto fisico con la Regina sia rigorosamente off limits in linea con il protocollo reale, il famoso abbraccio di Michelle Obama con la sovrana britannica dimostra che questo non è necessariamente il caso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus