Me
Il post provocatorio di Asia Argento in ricordo del fidanzato Bourdain
Condividi su:
post asia argento bourdain
Il post

Il post provocatorio di Asia Argento in ricordo del fidanzato Bourdain

Lo chef e scrittore statunitense è stato trovato morto nella sua camera di albergo l'8 giugno

04 Lug. 2018
post asia argento bourdain
Il post

Asia Argento torna a far parlare di sé, pubblicando una foto su Instagram in cui lei e il fidanzato Anthony Bourdain, lo chef morto suicida lo scorso 8 giugno, mostrano il dito medio.

“A chi si vorrebbe appropriare della sua morte in maniera contraria al suo modo di pensare, non sappiamo cosa lui avrebbe detto ma possiamo indovinare quale dito avrebbe alzato”, ha commentato la Argento.

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento) in data:

Pochi giorni prima, l’attrice aveva pubblicato un’altra foto dedicata al fidanzato.

Lo chef e scrittore statunitense Anthony Bourdain era stato trovato morto nella sua stanza d’albergo in Francia l’8 giugno 2018.

Bourdain aveva 61 anni e si trovava a Strasburgo per lavorare alle riprese della sua serie Parts Unknown, trasmessa sulla rete statunitense Cnn e in onda anche in Italia con il titolo di Cucine segrete.

Lo chef era legato sentimentalmente all’attrice italiana Asia Argento, che di recente ha diretto anche un episodio della serie.

Poco dopo la notizia della morte del fidanzato, la Argento aveva espresso il suo cordoglio sui social.

“Anthony metteva se stesso in tutto ciò che faceva. Il suo spirito brillante e impavido aveva ispirato molti e la sua generosità non aveva confini. Era il mio amore, la mia roccia, la mia protezione. Sono più che devastata. Il mio pensiero va alla sua famiglia. Chiedo rispetto per la loro privacy e per la mia“, aveva scritto l’attrice.

La notizia della morte dello chef era stata data anche dal network CNN.

“È con straordinaria tristezza che possiamo confermare la morte del nostro amico e collega, Anthony Bourdain”,

“Il suo amore per le grandi avventure, i nuovi amici, il buon cibo e bevande e le straordinarie storie del mondo lo hanno reso un narratore unico, i suoi talenti non hanno mai smesso di stupirci e ci mancherà moltissimo”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus