Me
Il killer più famoso del Canada cerca moglie su un sito d’incontri: “Esco nel 2089”
Condividi su:
Killer sito incontri moglie
Justin Bourque dopo il suo arresto

Il killer più famoso del Canada cerca moglie su un sito d’incontri: “Esco nel 2089”

04 Lug. 2018
Killer sito incontri moglie
Justin Bourque dopo il suo arresto

Uno degli assassini più noti del Canada – tre poliziotti canadesi uccisi e due feriti – si è iscritto a un sito di incontri online in cui si descrive come “un colletto blu con la passione per la musica”.

Si tratta di Justin Bourque che sta scontando una condanna a vita senza possibilità di libertà condizionata per 75 anni per la sua follia omicida scatenata nel 2014 a Moncton con l’intento di scatenare una rivolta contro lo stato.

“Sono single e cerco qualcuno con cui stare”, le parole scritte da Bourque sul suo profilo pubblicato sul sito Canadian Inmates Connect. Inoltre il detenuto ha precisato la sua data d’uscita dal carcere: il 2089. Non proprio domani…

Un annuncio che ha acceso i riflettori sul sito che mira a mettere in contatto i detenuti single con potenziali compagni o compagne presenti all’esterno. Persone da frequentare una volta scaduta la pena.

Melissa Fazzina, che gestisce il sito, ha precisato: “Ho visto quanto sia importante questo servizio che permette alle persone che sono in carcere di avere contatti con il mondo esterno – le sue parole -. Fa molto per cambiare le loro vite in meglio mentre sono dentro la prigione e spesso quando escono”. Se escono.

Ma torniamo a Bourque. L’assassino ha parlato di se nel suo profilo: gli piacciono la televisione e i film, e cerca donne con cui corrispondere. “Quindi mandami una lettera e una foto o due e vedremo come andrà”, ha scritto.

Lettere non chat dato che il sito non permette ai detenuti delle carceri canadesi di chattare con l’esterno. Cosa tra l’altro impossibile per la sicurezza e per la mancanza di internet.

L’unico modo per avere contatti con i detenuti è tramite lettere cartacee che vengono controllate dalle guardie carcerarie. E poi… se son rose, fioriranno.can

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus