Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il killer più famoso del Canada cerca moglie su un sito d’incontri: “Esco nel 2089”

Immagine di copertina
Justin Bourque dopo il suo arresto

Uno degli assassini più noti del Canada – tre poliziotti canadesi uccisi e due feriti – si è iscritto a un sito di incontri online in cui si descrive come “un colletto blu con la passione per la musica”.

Si tratta di Justin Bourque che sta scontando una condanna a vita senza possibilità di libertà condizionata per 75 anni per la sua follia omicida scatenata nel 2014 a Moncton con l’intento di scatenare una rivolta contro lo stato.

“Sono single e cerco qualcuno con cui stare”, le parole scritte da Bourque sul suo profilo pubblicato sul sito Canadian Inmates Connect. Inoltre il detenuto ha precisato la sua data d’uscita dal carcere: il 2089. Non proprio domani…

Un annuncio che ha acceso i riflettori sul sito che mira a mettere in contatto i detenuti single con potenziali compagni o compagne presenti all’esterno. Persone da frequentare una volta scaduta la pena.

Melissa Fazzina, che gestisce il sito, ha precisato: “Ho visto quanto sia importante questo servizio che permette alle persone che sono in carcere di avere contatti con il mondo esterno – le sue parole -. Fa molto per cambiare le loro vite in meglio mentre sono dentro la prigione e spesso quando escono”. Se escono.

Ma torniamo a Bourque. L’assassino ha parlato di se nel suo profilo: gli piacciono la televisione e i film, e cerca donne con cui corrispondere. “Quindi mandami una lettera e una foto o due e vedremo come andrà”, ha scritto.

Lettere non chat dato che il sito non permette ai detenuti delle carceri canadesi di chattare con l’esterno. Cosa tra l’altro impossibile per la sicurezza e per la mancanza di internet.

L’unico modo per avere contatti con i detenuti è tramite lettere cartacee che vengono controllate dalle guardie carcerarie. E poi… se son rose, fioriranno.can