Me
Cosa è successo nella sparatoria presso la sede del giornale Capital Gazette, nel Maryland
Condividi su:
sparatoria annapolis maryland capital gazette
Il luogo dell'attacco durante l'intervento della polizia. Credit: Alex Wroblewski

Cosa è successo nella sparatoria presso la sede del giornale Capital Gazette, nel Maryland

Il bilancio è di cinque morti e alcuni feriti. Per la sparatoria è stato arrestato un uomo che aveva fatto causa al giornale alcuni anni fa

29 Giu. 2018
sparatoria annapolis maryland capital gazette
Il luogo dell'attacco durante l'intervento della polizia. Credit: Alex Wroblewski

Cinque persone sono state uccise e altre sono rimaste ferite giovedì 28 giugno 2018 in quello che la polizia ha definito un “attacco mirato” presso la sede del quotidiano Capital Gazette ad Annapolis, nel Maryland.

La polizia ha arrestato un sospetto, di cui non è stato ancora ufficializzato il nome. Molti giornali, tuttavia, lo hanno identificato come Jarrond Ramos, un uomo di 38 anni che aveva fatto causa al giornale per diffamazione nel 2012.

L’uomo si trova sotto la custodia degli agenti.

Le cinque vittime sono state identificate e i loro nomi sono stati diffusi (qui i loro nomi e le loro storie in breve).

Il Capital Gazette, quotidiano di Annapolis, in Maryland, è controllato dal Baltimore Sun e ha una tiratura giornaliera di circa 30mila copie.

La ricostruzione

Giovedì 28 giugno un uomo armato ha fatto ingresso nella redazione e ha aperto il fuoco con un fucile.

Phil Davis, cronista di giudiziaria della Capital Gazette, ha detto che l’uomo si è fatto largo attraverso la porta a vetri del giornale prima di sparare alle persone all’interno dell’ufficio.

Davis ha detto di aver sentito sparare a più colleghi mentre si nascondeva sotto una scrivania.

Decine di agenti di polizia e agenti federali sono intervenuti in pochi minuti.

Secondo la ricostruzione del funzionario di polizia William Krampf, citato dal Guardian, l’uomo è “entrato nell’edificio con un fucile da caccia e ha individuato le sue vittime mentre attraversava il piano inferiore”.

Due persone sono rimaste ferite in modo lieve.

Krampf ha detto che gli agenti perquisiranno l’abitazione del sospetto, nel Maryland.

“Questa persona era pronta a sparare alle persone. La sua intenzione era di causare danni”, ha detto il funzionario.

Chi sono le vittime

I giornalisti della Capital Gazette hanno pubblicato oggi un’edizione speciale in cui raccontano della sparatoria e dell’omicidio dei loro colleghi.

The Capital Gazette is “putting out a damn paper tomorrow”.

Le cinque vittime sono:

    • Rob Hiaasen, 59 anni, assistant managing editor del giornale
    • Wendi Winters, 65 anni, reporter che si era unita al giornale nel 2013 dopo una carriera nelle pubbliche relazioni
    • Gerald Fischman, editorialista 61enne del giornale
    • John McNamara, cronista sportivo
    • Rebecca Smith, 34 anni, da poco assunta come assistente alle vendite del giornale

Il presunto autore della sparatoria

Il sospetto arrestato dalle forze dell’ordine, Jarrond Ramos, aveva citato in giudizio diversi membri del giornale accusandoli di diffamazione dopo che uno degli editorialisti, Eric Hartley, aveva riferito che Ramos si era dichiarato colpevole di molestie nei confronti di una donna sui social.

La causa di Ramos era stata archiviata da un giudice nel 2013 e la sentenza è stata confermata in secondo grado da un tribunale del Maryland nel 2015, come riportato dalla stessa Capital Gazette.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus