Me
Annapolis, sparatoria nella sede del giornale Capital Gazette, almeno 5 morti e diversi feriti
Condividi su:
sparatoria giornale Maryland
La sede del quotidiano Capital Gazette

Annapolis, sparatoria nella sede del giornale Capital Gazette, almeno 5 morti e diversi feriti

L'attentatore è stato arrestato. I giornalisti all'interno della redazione: "Ha sparato attraverso i vetri, nascosti sotto le scrivanie"

28 Giu. 2018
sparatoria giornale Maryland
La sede del quotidiano Capital Gazette

Usa, sparatoria Maryland ad Annapolis nella sede del giornale Capital Gazette, ci sarebbero “cinque morti e diversi feriti” | DIRETTA

Usa, sparatoria in Maryland all’interno della sede di un quotidiano locale di Annapolis, il Capital Gazette. Secondo la polizia  ci sono almeno 5 morti e diversi feriti.

Decine di auto della polizia sono intervenute circondando l’intera aerea della sede del giornale. I media hanno subito parlato di un “active shooter”.

L’attentatore è stato arrestato ed è ora sotto interrogatorio.

Qui sotto un tweet di uno stagista della redazione che conferma la sparatoria:

Uno dei giornalisti della redazione scrive sul proprio profilo Twitter che l’attentatore è uno solo, riferendo di “alcuni morti”

L’attentatore avrebbe sparato da una porta a vetri contro i redattori del quotidiano locale.

Via Twitter Phil Davis, reporter giudiziario del quotidiano Capital Gazette dove e’ stato aperto il fuoco proprio nella redazione, scrive: “Non c’e’ nulla di più terrificante che sentire tante persone venire raggiunte dai colpi mentre si è sotto la scrivania e si sente l’attentatore ricaricare l’arma”.

Davis ha poi fatto sapere di essere salvo e al sicuro, in attesa di essere ascoltato dalla polizia.

Il Capital Gazette, quotidiano di Annapolis, in Maryland, è controllato dal Baltimore Sun, ha una tiratura giornaliera di circa 30mila copie.

Le forze dell’ordine sono accorse anche nella sede del Sun ma hanno escluso minacce al momento.

La portavoce della Casa Bianca Lindsay Walters afferma che il presidente Trump e’ stato informato di quanto sta accadendo e che “i nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolte a tutte le persone coinvolte”.

Notizia in aggiornamento

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus