Me
La Corte Suprema Usa conferma la validità del “travel ban” di Trump
Condividi su:
trump travel ban
Proteste contro il travel ban negli Stati Uniti

La Corte Suprema Usa conferma la validità del “travel ban” di Trump

26 Giu. 2018
trump travel ban
Proteste contro il travel ban negli Stati Uniti

La Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata a favore del “travel ban” dell’amministrazione Trump per colpire persone provenienti da alcuni paesi a maggioranza musulmana.

I tribunali di grado inferiore avevano considerato il divieto incostituzionale, ma la Corte Suprema ha annullato questa decisione con una sentenza passata a stretta maggioranza, cinque giudici contro quattro.

Il divieto proibisce alla maggior parte delle persone provenienti da Iran, Libia, Somalia, Siria e Yemen di entrare negli Stati Uniti. Il provvedimento è stato criticato aspramente da gruppi di rifugiati e da associazioni che difendono i diritti umani.

La norma ha subito diverse modifiche nel tempo. Iraq e Ciad erano stati inseriti nelle prime versioni, ma successivamente rimossi. L’amministrazione Trump sostiene che i paesi oggetto della norma hanno una presenza terroristica significativa all’interno del loro territorio. Lo stato delle Hawaii aveva sfidato il divieto e un giudice federale ne aveva bloccato l’attuazione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus