Me

Solitudine, come combattere e superare la paura di restare soli

La solitudine è l'abilità più importante. Oggi siamo eccessivamente stimolati, iperconnessi e non abbastanza introspettivi

Immagine di copertina
"Tutti i problemi dell'umanità derivano dall'incapacità dell'uomo di sedere tranquillamente in una stanza da solo" Pascal

Prima di morire all’età di 39 anni, Blaise Pascal ha dato un enorme contributo sia alla fisica che alla matematica.

Questo lavoro, tuttavia, ha influenzato molto più che il regno delle scienze naturali molti di quei campi che ora classifichiamo sotto il titolo di scienze sociali.

Da adulto Pascal ispirato da un’esperienza religiosa, ha iniziato a muoversi verso la filosofia e la teologia.

Poco prima della sua morte ha trascritto frammenti di pensieri privati ​​che sarebbero poi stati raccolti nella collezione dal nome di Pensées.

C’è abbastanza materiale per stimolare la riflessione interiore e attacca la natura umana da di differenti angolazioni, ma uno dei suoi pensieri più famosi riassume perfettamente il nocciolo della sua argomentazione:

“Tutti i problemi dell’umanità derivano dall’incapacità dell’uomo di sedere tranquillamente in una stanza da solo”

Secondo Pascal temiamo il silenzio dell’esistenza, temiamo la noia e scegliamo invece la distrazione senza scopo, e non possiamo fare a meno di passare dai problemi delle nostre emozioni ai falsi conforti della mente.

Il problema alla radice, in sostanza, è che non impariamo mai l’arte della solitudine.

Il pericolo di essere sempre connessi

Oggi più che mai il messaggio di Pascal è valido e attuale. Se c’è una parola per descrivere i progressi compiuti negli ultimi cento anni è la connessione.

Le nuove tecnologie dell’informazione hanno dominato la nostra direzione culturale. Dal telefono alla radio, dalla TV a Internet, abbiamo trovato il modo di avvicinarci tutti insieme, consentendo un accesso costante al mondo.

Posso trovarmi dall’altra parte del mondo e sapere cosa sta succedendo a casa con una rapida ricerca.

I benefici di tutto questo sono innumerevoli, ma anche gli aspetti negativi stanno iniziando a diventare importanti.

Ora viviamo in un mondo in cui siamo connessi a tutto tranne che a noi stessi.

La logica è, ovviamente, seducente. Perché stare soli quando non devi?

Bene, la risposta è che non stare mai soli non è la stessa cosa che non sentirsi mai soli. Peggio ancora, meno sei a tuo agio con la solitudine, più è probabile che non ti riconoscerai. E poi passerai ancora più tempo evitando che si focalizzi altrove. Durante il processo, diventerai dipendente dalle stesse tecnologie che erano state pensate per liberarti.

Solo perché possiamo ascoltare il “rumore del mondo” per bloccare il disagio di stare soli con noi stessi non significa che questo disagio scompaia.

Ci crediamo tutti auto consapevoli, pensiamo di sapere come ci sentiamo e cosa vogliamo e quali sono davvero i nostri problemi. Ma la verità è che davvero poche persone lo sanno. E quelli che lo sanno sono i primi a riconoscere quanto sia mutevole la consapevolezza di sé e quanto tempo bisogna trascorrere da soli per arrivarci.

La noia come stimolo

La nostra avversione alla solitudine è in realtà un’avversione alla noia.

Siamo dipendenti è uno stato di non-annoiato, cerchiamo intrattenimento, cerchiamo compagnia.

Campagna regione lazio

Ignoriamo il fatto che non affrontare mai il nulla equivale a non affrontare mai se stessi. E non affrontare mai se stessi è il motivo per cui ci sentiamo soli e ansiosi nonostante siamo intimamente connessi a tutto ciò che ci circonda.

Fortunatamente c’è una soluzione: l’unico modo per evitare di essere distrutto da questa paura è affrontarla. È lasciare che la noia ti porti dove vuole in modo che tu possa affrontare qualunque cosa stia realmente accadendo con il tuo sé. In quel momento penserai ed è allora che imparerai a coinvolgere le parti di te che sono mascherate dalla distrazione.

La bellezza di questo è che una volta superata la barriera iniziale ti renderai conto che stare da solo non è poi così male. La noia può essere proprio uno stimolo.

Nei momenti di solitudine e silenzi diventi intimamente familiare con il tuo ambiente in un modo che la stimolazione forzata non consente. Il mondo diventa più ricco, gli strati iniziano a staccarsi e tu vedi le cose per quello che sono realmente, in tutta la loro interezza, in tutte le loro contraddizioni e in tutta la loro non familiarità.

Imparerai che ci sono altre cose a cui prestare attenzione oltre a ciò che fa più rumore in superficie.

A volte la direzione in cui ti porta questa solitudine può essere spiacevole, soprattutto quando si tratta di introspezione, riemergono i tuoi pensieri e le tue sensazioni, i tuoi dubbi e le tue speranze, ma nel lungo termine è molto più piacevole che fuggire da tutto senza nemmeno rendersene conto.

Abbracciare la noia ti permette di scoprire novità in cose che non sapevi fossero nuove: è come essere un bambino che vede il mondo per la prima volta. Risolve anche la maggior parte dei conflitti interni.

L’unico modo per affrontare e per superare la paura della solitudine è fare in modo di trascorrere ogni giorno o ogni settimana un po’ di tempo in solitudine seduti, con i nostri pensieri, i nostri sentimenti, in un momento di calma.

La più antica saggezza filosofica del mondo ha un solo consiglio per noi: conosci te stesso. E c’è una buona ragione per cui sia così.

Senza conoscere noi stessi è quasi impossibile trovare un modo sano per interagire con il mondo che ci circonda.

Essere soli e collegarsi interiormente è un’abilità che nessuno ci può insegnare.

La solitudine potrebbe non essere la soluzione a tutto, ma certamente è un inizio.