Me
Mondiali 2018, giornalista molestata sessualmente durante una diretta
Condividi su:
giornalista molestata diretta
Un fermo immagine del video in diretta

Mondiali 2018, giornalista molestata sessualmente durante una diretta

La reporter dell'emittente tedesca Deutsche Welle stava trasmettendo in diretta quando un tifoso è comparso dal nulla, l'ha palpata e baciata sulla guancia

21 Giu. 2018
giornalista molestata diretta
Un fermo immagine del video in diretta

Julieth Gonzalez Theran, reporter del canale news in spagnolo dell’emittente tedesca Deutsche Welle (DW), è stata molestata sessualmente mentre si trovava in diretta per un servizio sui Mondiali di calcio in Russia.

La giornalista colombiana era a Saransk per seguire la Coppa del mondo quando un uomo è comparso dal nulla, le ha messo una mano sul seno e l’ha baciata sulla guancia. Poi ha sorriso alla telecamera ed è sparito nella folla.

Dopo lo shock iniziale, Gonzalez Theran ha continuato la diretta.

In seguito la giornalista ha postato il video di quanto accaduto su Instagram scrivendo: “Rispetto! Noi non ci meritiamo questo. “Siamo ugualmente preziosi e professionali. Condivido la gioia del calcio, ma dobbiamo identificare i limiti di affetto e molestie”.

Deutsche Welle ha scritto: “Non è un bacio, è un attacco non consensuale”.

“Mi trovavo lì da due ore per preparare la trasmissione e non c’erano state interruzioni”, ha detto in seguito Gonzalez Theran.

“Quando siamo andati in diretta, questo tifoso ha approfittato della situazione. Ma dopo, quando ho controllato per vedere se era ancora lì, era sparito”.

Bibiana Steinhaus, primo arbitro donna della Bundesliga, il campionato tedesco, ha condannato quanto accaduto e ha dichiarato a Deutsche Welle di aver subito molestie simili a quelle di Gonzalez Theran.

“Questo tipo di attacco è successo diverse volte in passato”, ha detto. “Non ci illudiamo che simili cose misogine non accadano”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus