Me
Roma, maxi-blitz contro la mafia di Montespaccato
Condividi su:
Roma mafia Montespaccato

Roma, maxi-blitz contro la mafia di Montespaccato

Estorsioni, droga, usura: denunciate 58 persone e sequestri per 7 milioni di euro

19 Giu. 2018
Roma mafia Montespaccato

Estorsioni, usura, infiltrazioni nel tessuto economico locale, traffico internazionale di droga. La base era nel quartiere romano di Montepaccato.

Sono 58 finite nella rete dell’operazione ‘Hampa’, scattata all’alba di oggi, martedì 19 giugno 2018, tra Roma, la Sardegna, il Molise, il Piemonte e la Spagna.

Nel mirino di carabinieri e polizia un’associazione per delinquere “egemone” a Montespaccato, capeggiata da Franco Gambacurta e finalizzata a una serie indeterminata di delitti aggravati dalle modalità mafiose.

Le 58 misure cautelari sono state disposte dal gip di Roma su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia. Nelle indagini è stata coinvolta anche la Guardia Civil spagnola.

Secondo gli inquirenti, la mafia di Montespaccato praticava usura, esercizio abusivo del credito, estorsioni, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, riciclaggio e reimpiego di capitali di provenienza illecita, intestazione fittizia di beni immobili, attività economiche ed imprenditoriali e traffico di sostanze stupefacenti aggravata dalla transnazionalità.

È stato disposto il sequestro di 12 esercizi commerciali, 14 immobili, diversi rapporti finanziari e quote societarie, nonché numerosi veicoli, per un valore stimato di circa 7 milioni di euro.

Ulteriori particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma alle 11 nella sede del Comando provinciale dei Carabinieri, alla presenza di Michele Prestipino, procuratore aggiunto della Dda capitolina.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus