Me
Le donne sui social hanno scelto il calciatore più bello dei Mondiali 2018: “Meglio di Beckham”
Condividi su:
Giocatore più bello Mondiali
Il centrocampista dell'Islanda Gislason

Le donne sui social hanno scelto il calciatore più bello dei Mondiali 2018: “Meglio di Beckham”

19 Giu. 2018
Giocatore più bello Mondiali
Il centrocampista dell'Islanda Gislason

Ogni Mondiale di calcio ha il suo giocatore più bello. A decretarlo la rete che ha “organizzato” una sorta di concorso di bellezza ufficioso tra i calciatori impegnati nella Coppa del Mondo di Russia 2018.

Non è stato neanche necessario che finisse il primo turno, e che tutte le squadre scendessero dunque in campo, per capire chi è il giocatore più bello di questi mondiali. Il suo nome è Rurik Gislason.

Chi è? Si tratta di un calciatore islandese, trent’anni, occhi azzurri, capelli lunghi biondi raccolti a coda e fisico statuario. Di ruolo centrocampista. Dopo tre anni al Norimberga, dalla scorsa stagione veste la maglia del Sandhausen.

Very, very exciting times ahead! ⚽️🇮🇸

Un post condiviso da Rurik Gislason (@rurikgislason) in data:

Da quando la sua nazionale è scesa in campo, strappando uno storico pareggio all’Argentina di Lionel Messi, le sue quotazioni sui social network si sono impennate, soprattutto tra le tifose argentine che si sono consolate scorrendo le foto sul suo profilo Instagram.

Last day in Dubai. Time to go home and see my family!

Un post condiviso da Rurik Gislason (@rurikgislason) in data:

Un successo annunciato vista anche la somiglianza con un calciatore che ha fatto sognare migliaia di ammiratrici e ammiratori: David Beckham che, anche dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, ha continuato a far girare la testa a milioni di donne e non solo.

Viktoría Alfreðsdóttir ❤️

Un post condiviso da Rurik Gislason (@rurikgislason) in data:

Ma c’è chi lo considera anche più bello dell’ex centrocampista inglese. “Gislason è meglio di Beckham”, si legge sui social.

L’islandese ha quindi sbaragliato la concorrenza dei vari Neymar, Hummels o Cristiano Ronaldo. Mica male.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus