Me

Svegliarsi presto al mattino riduce la probabilità di sviluppare la depressione

La mancanza di esposizione alla luce del sole potrebbe aumentare il rischio di depressione nelle donne

Immagine di copertina
Svegliarsi presto al mattino riduce la probabilità di sviluppare la depressione. Credit: Dalina Rahman / EyeEm/Getty Images

Secondo un recente studio le donne che si definiscono “mattiniere” hanno meno probabilità di sviluppare la depressione.

La mancanza di esposizione alla luce del sole infatti potrebbe aumentare il rischio di depressione nelle donne.

Una ricerca condotta su oltre 32mila donne pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Psychiatric Research ha rilevato che coloro che sono naturalmente inclini a svegliarsi presto hanno un minore rischio di soffrire di disturbi mentali a causa di una maggiore esposizione alla luce del giorno.

I ricercatori dell’Università del Colorado a Boulder e Brigham e del Women’s Hospital di Boston hanno esaminato i collegamenti tra i disturbi dell’umore e cronotipo, ovvero quanto tempo prima o per quanto tempo una persona si sincronizza con la giornata di 24 ore.

Queste tendenze si manifestano tipicamente su una scala che va dalle persone mattutine a cui piace svegliarsi presto e andare a dormire presto e i nottambuli, che seguono invece la routine opposta.

Qualunque sia la fine della scala in cui ci si trova è in parte determinata il fattore genetico hanno affermato gli autori dello studio.

Ma in ogni caso le persone mattiniere anche hanno una probabilità inferiore al 12-27 per cento di sviluppare la depressione.

Lo studio, della durata di quattro anni, è stato condotto utilizzando i dati di oltre 32 mila infermieri di sesso femminile, che sono stati estratti dall’indagine degli studi sulla salute che gli infermieri compilano ogni due anni. I partecipanti avevano un’età media di 55 anni.

Quando l’analisi è iniziata nel 2009, a nessuno dei partecipanti è stata diagnosticata la depressione. A quel tempo, il 37 per cento si descriveva come mattiniero, il 53 per cento affermava di essere di tipo intermedio, il che significa che erano da qualche parte nel mezzo della scala, e il 10 per cento si descriveva come un tipo serale o “nottambulo”.

Una volta terminato lo studio, Vetter e il suo team hanno osservato che sono stati sviluppati oltre 2.500 casi di depressione, 290 dei quali nella categoria dei nottambuli.

Lo studio ha dimostrato che chi aveva l’abitudine di svegliarsi più tardi era più probabile che fosse depresso, anche quando venivano considerati altri fattori che potevano metterli a rischio come vivere da soli, fumare ed essere single.

“Questo ci dice che potrebbe esserci un effetto del cronotipo sul rischio di depressione che non è guidato da fattori ambientali e di stile di vita”, ha detto l’autore principale Céline Vetter.

“Quando e quanta luce si ottiene influenza anche il cronotipo e l’esposizione alla luce influenza anche il rischio di depressione”, ha aggiunto.

“Districare il contributo dei modelli di luce e della genetica sul legame tra cronotipo e rischio di depressione è un importante passo successivo”.

“Sì, il cronotipo è rilevante quando si tratta di depressione, ma è un piccolo effetto”, ha sottolineato, offrendo alcune parole di consiglio a coloro che sono inclini ad andare a letto tardi.

“Cerca di dormire a sufficienza, fai esercizio fisico, trascorri più tempo all’aria aperta”.