Me

Mondiali di calcio, Netflix trasmette le partite dell’Italia campione del mondo 2006

Oggi, 15 giugno, in onda la prima partita Italia contro Ghana e il 15 luglio la finalissima contro la Francia rimasta nel cuore degli azzurri. Ecco il calendario delle altre partite

Immagine di copertina

“Il cielo è azzurro sopra Berlino” urlava il telecronista Marco Civoli alla finale dei Mondiali 2006.

Era il 9 luglio e all’Olympiastadion di Berlino gli azzurri hanno reso l’Italia Campione del Mondo battendo la Francia ai rigori.

Nostalgia canaglia per tutti gli italiani al Mondiale Russia 2018, ma Netflix ha pensato a un modo per rimediare allo smacco della nazionale di calcio azzurra.

Il colosso dello streaming on demand ha infatti pensato di risollevare il morale dei tifosi italiani: dal 15 giugno al 15 luglio infatti è possibile rivedere tutte le partite dei Mondiali di Calcio 2006.

Quindi mentre in questi giorni si tengono i Mondiali Russia 2018, Netflix fa un salto nel passato con i Mondiali del 2006.

Mondiali Russia 2018 – Diretta streaming e tv: ecco dove vederliQui tutte le informazioni per seguire le partite del mondiale 2018.

Oggi si inizia con Italia-Ghana e a seguire nei prossimi giorni saranno online tutte le altre, fino alla finalissima prevista il 15 luglio Italia – Francia.

Le partite saranno trasmesse senza commento, avranno soltanto l’audio originale dal campo.

Ecco il calendario delle altre partite

19 giugno: Italia-Usa

25 giugno: Italia-Repubblica Ceca

30 giugno: Italia-Australia

6 luglio: Italia-Ucraina

10 luglio: Italia-Germania

15 luglio: Italia-Francia

Ecco il video che Netflix ha pubblicato per presentare l’iniziativa “2006 – Sul tetto del Mondo”

Ma quanto costa all’Italia la mancata qualificazione ai mondiali di calcio di Russia 2018? Qui l’analisi di TPI.it.

Un disastro non solo sportivo, ma anche economico. La mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali di Russia 2018 intacca i settori più disparati: dall’editoria alla ristorazione, passando per il merchandising, la televisione e la pubblicità.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus