Me
La cuginetta continua a bullizzare baby George: dopo avergli tappato la bocca, lo spinge giù da una collinetta | Il video
Condividi su:
baby george cuginetta spinta
Savannah Phillips tappa la bocca al cugino George

La cuginetta continua a bullizzare baby George: dopo avergli tappato la bocca, lo spinge giù da una collinetta | Il video

15 Giu. 2018
baby george cuginetta spinta
Savannah Phillips tappa la bocca al cugino George

Savannah Phillips colpisce ancora. La sua “vittima” è sempre la stessa: il cuginetto principe George, meglio noto al grande pubblico, specie quello dei social, come “baby George”.

Dopo avergli tappato la bocca durante la parata per la celebrazione dei 92 anni della regina Elisabetta, stavolta la cuginetta terribile, 7 anni, ha spinto il primogenito di William e Kate facendolo rotolare da una collinetta al Beaufort Polo Club.

George, di 2 anni più piccolo di Savannah (farà 5 anni il 22 luglio prossimo) non si è ferito, ma la spinta poteva comunque essere pericolosa. Il video è diventato presto virale.

Savannah si è presa i rimproveri dei parenti. Basterà a fermare la sua “bullizzazione” del principe George, idolo dei social network soprattutto a causa della pagina Facebook “baby George ti disprezza”?

Lo scorso 9 giugno, come detto, c’era stato il primo episodio che aveva visto protagonisti i due cugini.

Alla fine della parata per i 92 anni della regina Elisabetta, la famiglia reale al completo si è affacciata dalla balconata di Buckingham Palace.

Savannah Phillips, nipotina di Elisabetta II, è stata ripresa dalle telecamere mentre la Raf sfilava di fronte alla “royal family” al completo.

Inizialmente la bambina ha mimato con le braccia l’inno nazionale God save the Queen, per poi girarsi di scatto verso George, che era al suo fianco, mettendogli le mani davanti alla bocca e ammutolendolo.

Qui il video con la spinta di Savannah a George sulla collinetta:

 

Ecco invece il video che mostra la nipote della regina Savannah Phillips mentre zittisce il cugino George:

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus