Me

Un cittadino eritreo che stava per essere rimpatriato dagli Usa si è ucciso all’aeroporto del Cairo

Immagine di copertina
L'aeroporto internazionale del Cairo. Credit: KHALED DESOUKI

Un cittadino eritreo la cui richiesta di asilo era stata respinta dagli Stati Uniti, e che stava per essere rimpatriato nel suo paese, è morto in circostanze che fanno pensare a un suicidio nell’aeroporto internazionale del Cairo, secondo quanto riportato dagli ufficiali dell’aeroporto sabato 9 giugno.

La notizia, riportata dall’agenzia statunitense AP, è passata inosservata sui giornali italiani.

L’uomo si chiamava Zeresenay Ermias Testfatsion, aveva 34 anni ed era stato arrestato dall’Ufficio per l’immigrazione statunitense. Era trattenuto dalle autorità egiziane all’aeroporto e aspettava di tornare ad Asmara, in Eritrea.

Il suo corpo è stato trovato mercoledì 6 giugno in un’area docce.

Secondo alcuni funzionari dell’aeroporto, che hanno parlato a condizione di restare anonimi, hanno detto che è stato trovato impiccato. I resti di Testfatsion saranno trasportati in Eritrea.

Testfatsion era stato arrestato a febbraio 2017 a Hidalgo, in Texas, dopo aver provato a entrare illegalmente negli usa.

Secondo i tribunali statunitensi, aveva chiesto l’asilo per “paura di ritornare nel suo paese”.

Dopo aver respinto la sua richiesta, le autorità statunitensi hanno ordinato il suo rimpatrio a ottobre 2017. Siccome non era stato trasferito nei 90 giorni successivi, il 30 gennaio 2018 Testfatsion aveva chiesto di essere rilasciato, dicendo che non avrebbe potuto essere costretto a restare detenuto per un tempo indefinito.

Il governo eritreo considera coloro che lasciano il paese come traditori, rendendo praticamente impossibile per loro ottenere i documenti di viaggio necessari.

A settembre, gli Stati Uniti hanno annunciato che avrebbe smesso di rilasciare alcuni visti ai cittadini dell’Eritrea e di altri tre paesi a causa della loro riluttanza ad accettare i rimpatri.

L’Eritrea, nell’Africa orientale, è uno dei paesi da cui provengono migranti che affermano di essere in fuga da un sistema di coscrizione militare forzata, che è stato ripetutamente criticato dalle Nazioni Unite e dai gruppi per i diritti umani.

La cugina di Testfatsion, Georgis Gebrendras, ha detto di essere triste per la sua morte e che la famiglia vuole delle risposte. Ha aggiunto che i membri della famiglia dell’uomo  erano all’aeroporto in Eritrea in attesa del suo arrivo quando hanno saputo del suo suicidio.

“Tutta la famiglia stava aspettando che tornasse a casa”, ha detto Gebrendras, che vive a Orlando, in Florida. “Non so cosa sia accaduto o perché sia morto. Perché? Cosa è successo?”.

Gebrendras ha detto di non capire come Testfatsion avrebbe potuto togliersi la vita mentre si dirigeva verso casa e come i funzionari abbiano potuto permettere che ciò accadesse. “Aveva bisogno di qualcuno che si prendesse cura di lui”, ha aggiunto.