Me
Il gesto di solidarietà di Pep Guardiola verso una ong che aiuta i migranti
Condividi su:
Guardiola ong
L'allenatore del Manchester City Pep Guardiola

Il gesto di solidarietà di Pep Guardiola verso una ong che aiuta i migranti

Il tecnico catalano spesso ha preso posizione su temi politico-sociali

12 Giu. 2018
Guardiola ong
L'allenatore del Manchester City Pep Guardiola

L’allenatore del Manchester City, Pep Guardiola, ha donato circa 150mila euro per far riparare la nave di Proactiva Open Arms, una ong catalana che soccorre i migranti nel tratto di mare fra Italia e Libia.

La donazione del grande allenatore catalano è stata annunciata da Òscar Camps, il capo della ong, durante una intervista radiofonica.

Non si conoscono molti dettagli della donazione di Guardiola oltre alla cifra: il sito di news Naciodigital ha scritto che la riparazione sarebbe avvenuta quando la nave di Open Arms si trovava in Italia dopo essere stata sequestrata dalla procura di Catania nell’ambito di un’inchiesta su uno sbarco di migranti.

Impegno politico-sociale non strano per Guardiola che in passato ha preso spesso posizioni politiche, soprattutto in relazione alla causa dell’indipendentismo catalano.

Tema quello delle Ong di grande attualità visto il caso Aquarius-Italia.

Domenica 10 giugno il ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, non ha concesso l’autorizzazione alla nave Aquarius della flotta della Ong Medici Senza Frontiere di fare ingresso in un porto italiano.

Aquarius, che ha a bordo oltre 600 migranti, è l’unica nave di una ong al momento presente nel Mediterraneo.

A bordo si trovano 629 migranti, tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte.

Le 629 persone a bordo dell’Aquarius sono state soccorse nella notte tra sabato e domenica, in sei diverse operazioni di salvataggio e trasferimento nell’arco di 9 ore, tutte sotto il coordinamento della Guardia Costiera Italiana (MRCC).

Il soccorso di 2 gommoni è diventato critico quando uno dei due è collassato nel buio e oltre 40 persone sono finite in acqua, poi recuperate dal team di soccorso.

Dopo aver recuperato 229 persone da queste imbarcazioni, l’MRCC ha chiesto all’Aquarius di accettare il trasferimento di altre persone che erano state soccorse da navi della marina e della guardia costiera italiana il 9 giugno.

L’Aquarius ha ricevuto un trasferimento di 129 persone dalla nave della Guardia costiera italiana (CP 312), poi altre 64 da una seconda nave della Guardia costiera italiana (CP 319) e infine altri 88 sopravvissuti da una terza nave della Guardia costiera italiana (CP 267).

Più tardi la nave San Giusto ha aiutato i team dell’Aquarius ad effettuare l’ultimo trasferimento: 119 naufraghi trasferiti dalla nave mercantile italiana MV Jolly Vanadio a bordo dell’Aquarius.

L’MRCC italiano ha coordinato tutte queste azioni dal principio e ha assunto la responsabilità del soccorso di tutte queste persone.

Ma dopo aver trasferito le persone soccorse dalle navi delle autorità italiane sull’Aquarius, l’Italia he negato un porto sicuro alle persone soccorse e ha chiesto a Malta di occuparsi del soccorso.

Il governo de La Valletta ha immediatamente risposto sostenendo che “non è di sua competenza” e che ciò non sarebbe stato possibile.

Il recupero della nave Aquarius “è avvenuto nell’area di ricerca e salvataggio libico ed è stato coordinato dal centro di Roma. Malta non è l’autorità di coordinamento e non ha competenze su questo caso”. Lo ha affermato un portavoce del governo maltese, citato da Malta Today.

La Aquarius, prima rifiutata dall’Italia e poi da Malta, nella tarda mattinata di lunedì 11 giugno, è rimasta diverse ore a metà strada fra in due paesi.

Nel pomeriggio di lunedì il governo della Spagna si è offerto di accogliere la nave e i migranti nel porto di Valencia.

Alcuni esponenti del governo italiano hanno celebrato l’offerta della Spagna come una vittoria, ma nella tarda serata SOS Mediterranée ha fatto sapere che ritiene Valencia troppo lontana – per raggiungerla ci vorrebbero altri tre-quattro giorni di navigazione – e che le condizioni delle persone a bordo non sono adatte a un viaggio del genere.

Di conseguenza, ha invitato le autorità italiane a trovare una soluzione (cioè a rendere disponibile uno dei suoi porti).

Nella mattinata di martedì 12 giugno, si è deciso che una parte dei migranti a bordo della nave Aquarius saranno trasferiti in Spagna a bordo di due navi italiane. Lo ha annunciato su Twitter la ong Sos Mediterranee, a cui appartiene la nave, e la notizia è stata confermata dal ministro italiano delle Infrastrutture, Danilo Toninelli (qui tutti gli aggiornamenti).

Il viaggio, che richiederà fra i tre e i quattro giorni, avverrà a bordo di tre imbarcazioni: sull’Aquarius resterà un centinaio di migranti.

La nave raggiungerà il porto di Valencia, dopo che il governo spagnolo, guidato dal socialista Pedro Sanchez, si è offerto di accogliere i migranti.

Il personale della nave aveva espresso forti preoccupazioni sulla sicurezza del viaggio verso il porto di Valencia.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus