Me

Il giovane pilota del CEV Moto3 Andreas Pérez è morto

Il ragazzo, 14 anni, era caduto domenica nel corso di Gara 2 sul circuito di Barcellona

Immagine di copertina
Il giovane pilota Andreas Pérez

Andreas Perez, quattordicenne pilota della Reale Avintia Academy coinvolto domenica 10 giugno in un gravissimo incidente nel corso di Gara 2 el CEV Moto3 (il “mondialino” che forma i giovani piloti prima di arrivare al Motomondiale dei grandi), non ce l’ha fatta: è morto.

A renderlo noto è stato un comunicato ufficiale della squadra del piccolo campione spagnolo, dopo aver parlato nella giornata di ieri di lesioni gravissime.

Il ragazzo durante la seconda gara del mondialino sul Circuito di Barcelona-Catalunya è caduto alla curva 5 ed è stato investito dai piloti che lo seguivano, impossibilitati ad evitarlo.

Le condizioni di Perez, soccorso prontamente, sono subito apparse gravi. Il ragazzzo è stato quindi trasferito al Hospital Sant Pau de Barcelona in elicottero.

Una volta arrivato in Ospedale sono state riscontrate lesioni cerebrali molto gravi, tanto da dichiararne la morte cerebrale poco dopo. Il cuore però ha continuato a battere, tanto da spingere i medici a continuare in tutti i modi per salvarlo, invano.

Catalano, 14 anni, ha corso nella PreMoto3 spagnola con il team di Alex Rins, prima di passare alla European Talent Cup, vincendo varie gare nel corso della stagione appena conclusa, tanto da riuscire a lottare per il titolo.

In questo 2018, con il team Reale Avintia aveva realizzato il debutto nel FIM CEV Moto3 Junior World Championship, considerato da subito uno dei maggiori talenti del campionato.

“Abbiamo perso un grande pilota, ma soprattutto una grande persona e ci mancherà molto. Il team e tutti gli sponsor voglio trasmettere tutto l’appoggio possibile alla famiglia di Andreas in questo momento così difficile”, si legge nel comunicato.