Me
Le abitudini sane in una relazione che la maggior parte delle persone considera tossiche
Condividi su:
amore
L'attore Joseph Gordon -Levitt

Le abitudini sane in una relazione che la maggior parte delle persone considera tossiche

Proprio alcuni dei comportamenti che ci hanno fatto credere essere tossici e dannosi in un rapporto di coppia sono in realtà necessari

10 Set. 2018
amore
L'attore Joseph Gordon -Levitt

Questo articolo spiega come i tratti che non si adattano alla nostra narrativa tradizionale sull’amore sono in realtà gli ingredienti necessari per un successo duraturo nel rapporto.

Lasciare irrisolti alcuni conflitti

John Gottman studia e analizza le relazioni di coppia da oltre 40 anni. Gottman ha scritto nove libri sui temi delle relazioni amorose, della terapia coniugale e della scienza della fiducia.

La prima cosa che Gottman dice in quasi tutti i suoi libri è: l’idea che le coppie debbano comunicare e risolvere tutti i loro problemi è un mito.

Nella sua ricerca su migliaia di coppie felici e sposate, alcune delle quali legate da oltre 40 anni, ha scoperto che quelle di maggior successo hanno problemi irrisolti persistenti, per colpa dei quali a volte litigano da decenni.

Le coppie che hanno invece insistito nel risolvere un problema, perché credevano che ci sarebbe stato un vuoto di disaccordo tra loro se non avessero tentato di risolverlo, non hanno funzionato. E presto in queste coppie si è presentato anche il vuoto nella relazione.

Alla gente piace fantasticare sul “vero amore”. Ma il vero amore, secondo Gottman impone di accettare a volte anche cose che non ci piacciono.

Le coppie di successo accettano e comprendono che alcuni conflitti sono inevitabili, che ci saranno sempre certe cose che non amano dei loro partner o cose con cui non sono d’accordo e che questo va bene.

Non bisogna sentire la necessità di cambiare qualcuno per amarlo. E non dovremmo lasciare che alcuni disaccordi interferiscano con ciò che altrimenti sarebbe una relazione felice e sana.

La verità è che provare a risolvere un conflitto a volte può creare più problemi di quanti ne risolva.

Alcune battaglie semplicemente non valgono la pena di essere combattute e, a volte, la strategia di relazione ottimale è quella di “vivi e lascia vivere”.

Essere disposti a ferire i sentimenti degli altri

Mark Manson, autore dell’articolo pubblicato su Quartz, per spiegare questo punto parte da un aneddoto personale che in realtà è molto comune tra le coppie.

Manson dice “la mia ragazza è una di quelle donne che passa molto tempo davanti allo specchio. Ama apparire stupenda e mi piace che anche lei sia meravigliosa”.

“Esce sempre dal bagno dopo un’ora di trucco, capelli, vestiti e poi mi domanda come appare. Di solito è bellissima. Ma ogni tanto è orrenda”.

“Ha provato a fare qualcosa di nuovo ai suoi capelli o ha deciso di indossare un paio di stivali tremendi. E molto semplicemente sta male”. “Quando le dico questo, di solito si incazza”.

“E mentre torna in bagno per rifare tutto e farci arrivare con 30 minuti di ritardo, mi insulta e mi urla parolacce”.

Gli uomini stereotipicamente si trovano in questa situazione per rendere felici le loro fidanzate o mogli. Ma io no”.

Perché? Perché l’onestà nella mia relazione è più importante per me che sentirmi bene tutto il tempo.

Manson spiega che per lui l’ultima persona con cui vorrebbe censurarsi è proprio la donna che ama. E si dichiara fortunato ad avere scelto una donna che è d’accordo con questo e che la pensa come lui.

“A volte”, spiega Manson “anche lei evidenzia le cazzate che faccio e onestamente è uno dei tratti più importanti che mi offre come partner. Certo, il mio ego si fa a pezzi e mi lamento e mi lamento e cerco di litigare, ma poche ore dopo torno di malumore e ammetto che lei aveva ragione e mi rendo conto quanto mi rende una persona migliore”.

Quando la nostra più alta priorità è quella di sentirci sempre bene o di far star bene il nostro partner, nessuno finisce per sentirsi bene.

E i nostri rapporti si disgregano senza che nemmeno ce ne accorgiamo.

È importante rendere qualcosa di più solido nella tua relazione piuttosto che farti sentire bene ogni volta.

Le cose belle vanno bene quando ottieni altre cose più importanti nel modo giusto.

Cose come contemplare insieme i tramonti e farsi le coccole sono abitudini che arrivano quando si ottengono le cose più importanti nel modo giusto: valori, bisogni e fiducia.

Ad esempio se ci sono momenti in cui ti senti soffocato e hai bisogno di più tempo per stare solo, devi sentirti libero e capace di dirlo senza biasimare il partner e l’altro deve essere capace di ascoltarti senza incolparti, anche se sono cose che possono fare rimanere male.

Questo tipo di conversazioni sono fondamentali per mantenere una relazione sana che soddisfi le esigenze di entrambe le persone. Senza ci perdiamo di vista l’un con l’altro.

Essere in grado di mettere fine al rapporto

Il sacrificio romantico è un fattore idealizzato nella nostra cultura.

Nella maggior parte dei film romantici esiste il personaggio disperato che strugge solo per il gusto di essere innamorato di qualcuno.

La verità è che i nostri standard che ci siamo imposti per arrivare a una “relazione di successo” sono piuttosto sbagliati.

Se una relazione finisce e nessuno è “morto”, allora lo consideriamo un fallimento, indipendentemente dalle circostanze emotive presenti nella vita di una persona.

È questo tipo di idealizzazione irrazionale che porta le persone a stare con partner che sono negligenti, che rinunciano ai propri bisogni e alla propria identità, a trasformarsi in “martiri immaginari” che sono perennemente infelici, a sopprimere il proprio dolore e sofferenza nel nome di mantenere una relazione “finché morte non ci separi”.

A volte l’unica cosa che può rendere un rapporto di successo è terminarlo al momento opportuno, prima che diventi troppo dannoso.

E la volontà di farlo ci consente di stabilire i limiti necessari per aiutare noi stessi e il nostro partner a crescere insieme.

“Finché morte non ci separi” è romantico e tutto, ma quando adoriamo la nostra relazione più di noi stessi, i nostri valori, i nostri bisogni e ogni altra cosa nella nostra vita, creiamo una dinamica malata in cui non c’è responsabilità.

Non abbiamo motivo per lavorare su noi stessi e crescere perché il nostro partner deve essere lì.

E il nostro partner non ha motivo di lavorare su se stesso e crescere perché noi saremo lì.

Invita la stagnazione e la stagnazione è uguale alla miseria.

L’attrazione per persone al di fuori della relazione

Le nostre sceneggiature culturali per il romanticismo includono questa sorta di tirannia mentale, in cui ogni pensiero lievemente emotivo o sessuale che non coinvolge il tuo partner è un alto tradimento.

Per quanto ci piacerebbe credere che abbiamo solo occhi per il nostro partner, la biologia dice il contrario.

Una volta superata la fase della luna di miele degli occhi stellati e dell’ossitocina, la novità del nostro partner svanisce un po’.

E sfortunatamente, la sessualità umana è parzialmente collegata alla novità.

Non solo l’essere umano è in grado di trovare più persone interessanti allo stesso tempo, ma è una inevitabilità biologica.

Ciò che non è un’inevitabilità sono le nostre scelte nell’agire o meno.

Questo innesca un sacco di sensi di colpa in alcune persone e molta gelosia irrazionale negli altri.

Le nostre sceneggiature culturali ci dicono che una volta che siamo innamorati, dovrebbe essere così, fine della storia.

E se qualcuno flirta con noi e noi ci divertiamo, o se ci sorprendiamo ad avere una fantasia occasionale, ci deve essere qualcosa di sbagliato in noi o nella nostra relazione.

È più sano permettersi di provare questi sentimenti e poi lasciarli andare.

Le persone che sopprimono questi impulsi sono quelli che probabilmente finiranno per soccombere e si arrenderanno e tradiranno e arrivano a pentirsene profondamente venti secondi dopo.

Le persone che sopprimono questi impulsi sono quelli che probabilmente li proietteranno sul loro partner e diventeranno accecanti gelosi, tentando di controllare ogni pensiero e ogni capriccio del partner.

Le persone che sopprimono questi impulsi sono quelli che rischiano di svegliarsi un giorno insoddisfatti e frustrati senza una comprensione consapevole del perché, chiedendosi dove sono andati tutti i giorni e ricordarsi di quanto eravamo innamorati?

Guardare le persone attraenti è divertente. Parlare con persone attraenti è divertente. Pensare alle persone attraenti è divertente.

Stai uccidendo una parte di te stesso e alla fine torna a danneggiare la tua relazione.

“Quando incontro una bella donna ora, mi diverto, come farebbe qualsiasi altro uomo. Ma mi ricorda anche il motivo per cui, tra tutte le belle donne che ho incontrato ho scelto di stare con la mia ragazza. Vedo nelle donne attraenti tutto ciò che la mia ragazza ha e alla maggior parte delle donne manca. E mentre apprezzo l’attenzione o anche il flirt, l’esperienza non fa altro che rafforzare il mio impegno”.

L’attrattiva è comune. Ma la vera intimità non lo è. Lascia che tutto il resto vada e venga, come inevitabilmente lo sarà.

Trascorrere del tempo a parte

Lo vedi tutto il tempo: l’uomo che incontra la sua ragazza e smette di giocare a basket e uscire con i suoi amici, o la donna che improvvisamente decide di amare ogni fumetto e videogioco che piace al suo ragazzo anche se non sa come tenere in mano il controller XBox correttamente.

Abbiamo tutti quell’amico che misteriosamente ha cessato di esistere non appena è entrato in una relazione. Ed è preoccupante, non solo per noi ma per loro.

Quando ci innamoriamo sviluppiamo credenze e desideri irrazionali. Uno di questi desideri è permettere alle nostre vite di essere consumate dalla persona di cui siamo infatuati. Questo è fantastico.

È inebriante in gran parte allo stesso modo in cui la droga è inebriante. Il problema sorge solo quando questo accade realmente.

Il problema di permettere alla tua identità di essere consumato da una relazione romantica è che, man mano che cambi per essere più vicino alla persona che ami, smetti di essere la persona di cui si è innamorato.

È importante che a volte ti allontani dal tuo partner, affermi la tua indipendenza, mantieni alcuni hobby o interessi che sono solo tuoi.

Avere degli amici separati, fare un viaggio occasionale da qualche parte da solo.

Ricorda cosa ti ha fatto e cosa ti ha attratto dal tuo partner in primo luogo.

Senza questo spazio, senza questo ossigeno il fuoco tra voi due si estinguerà e quelle che una volta erano scintille diventeranno solo attriti.

Accettare i difetti del tuo partner

Nel suo libro “L’insostenibile leggerezza dell’essere” Milan Kundera sostiene che ci sono due tipi di uomini:

1) uomini che cercano la donna perfetta e non potranno mai trovarla;

2) uomini che si convincono che ogni donna che incontrano sia già perfetta.

Questa osservazione dello scrittore non vale solo per le donne, ma per chiunque si trovi costantemente in relazioni disfunzionali.

O cerchiamo di rendere perfetto il partner “aggiustandolo” o cambiandolo.

Oppure ci illudiamo pensando che il partner sia già perfetto.

Ogni persona ha difetti e imperfezioni. Non puoi mai forzare una persona a cambiare.

Quindi devi uscire e scegliere qualcuno che ha difetti con cui puoi convivere o persino apprezzare.

La metrica più accurata per valutare il tuo amore per qualcuno è capire quanto potrai convivere con i suoi difetti.

Se li accetti e persino adori alcuni dei suoi difetti – la sua pulizia ossessiva ad esempio – allora questo può essere un segno di vera intimità.

Una delle migliori espressioni di questa idea venne da Platone nella forma di un mito.

Nel suo Simposio , Platone ha scritto che gli umani erano originariamente androgini e interi.

Non c’erano uomini o donne.

Non sentivano mancanza, nessuna incertezza ed erano potenti, così potenti che si sollevarono e sfidarono gli dei stessi.

Questo ha rappresentato un problema per gli dei. Non volevano cancellare completamente la razza umana perché non avrebbero avuto nessuno su cui governare.

Ma allo stesso tempo dovevano fare qualcosa per umiliare e distrarre l’umanità. Quindi Zeus li divise a metà.

Divise ogni essere umano in un uomo e una donna e li condannò a trascorrere la loro breve esistenza mortale vagando per il mondo alla ricerca dell’altra metà, la metà che li avrebbe fatti sentire di nuovo integri e potenti.

E questa interezza non derivava da due incontri di perfezione, ma da due imperfezioni che si incontravano, due imperfezioni che completavano e compensavano le mancanze dell’altro.

L’artista Alex Gray una volta disse: “Il vero amore è quando le patologie di due persone si completano a vicenda”.

L’amore è, per definizione, pazzo e irrazionale.

E il miglior amore funziona quando le nostre irrazionalità si completano a vicenda e i nostri difetti si infiammano a vicenda.

Possono essere le nostre perfezioni che si attraggono l’un l’altro.

Ma sono le nostre imperfezioni a decidere se stare insieme o no.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus