Me

“Signor Matteo Salvini, la vita delle migranti vittime di tratta non è una pacchia”: le missionarie scrivono al ministro

In una missiva inviata al neo ministro dell'Interno le suore Eugenia Bonetti, presidente dell’associazione "Slaves no more", e Oria Gargano sostengono che per intervenire contro tali ingiustizie è impensabile colpire chi ne è vittima

Immagine di copertina

“Signor Matteo Salvini, ora che ha avviato il suo mandato ci sentiamo di renderle note alcune evidenze scaturite dal nostro pluriennale lavoro a fianco delle persone immigrate, con specifico riferimento alle giovani africane, in particolare nigeriane, vittime di tratta degli esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale”.

Lo scrivono in una lettera inviata al neo ministro dell’Interno le suore Eugenia Bonetti, presidente dell’associazione “Slaves no more”, e Oria Gargano, presidente della cooperativa “BeFree”, due realtà che aiutano le giovani immigrate africane vittime di sfruttamento sessuale.

La lettera integrale è stata originariamente pubblicata su quotidiano Avvenire.

“Le vicende che queste donne ci raccontano non possono certo essere descritte con il termine ‘pacchia’ che lei ha voluto utilizzare per una sommaria descrizione della qualità di vita di migliaia di uomini, donne, bambine e bambini costretti a lasciare il proprio Paese – si legge nel testo – per l’indubitabile insostenibilità della loro situazione dovuta a ingiustizie, povertà, corruzione, impossibilità di costruirsi un futuro, nonché a motivo di conflitti armati”.

Leggi anche: Vi racconto come sono stata ingannata e venduta come prostituta in Italia, la video-intervista a Blessing Okoedion, una donna nigeriana vittima di tratta che è riuscita a denunciare i suoi sfruttatori 

Dopo aver raccontato il percorso, le sofferenze e le violenze subite dalle ragazze che cercano speranze in Italia e invece finiscono sulle strade della prostituzione, le missionarie sostengono che “per intervenire contro tali ingiustizie è impensabile colpire chi ne è vittima”.

“Per rendere un Paese accogliente, inclusivo, rispettoso delle vittime di questi soprusi non si può tuonare contro i ‘clandestini’ senza conoscere le situazioni da cui provengono e chi sono coloro che hanno organizzato il viaggio”.

Suor Bonetti e Gargano ricordano al ministro che “i fondi stanziati per gli interventi umanitari provengono dalla Commissione europea, a riconoscimento del ruolo centrale dell’Italia”.

Quindi, gli chiedono “perché allora raccontare agli italiani che quei fondi sono sottratti alle politiche sociali destinate ai nativi? Signor ministro, cosa può portare di buono aizzare una guerra tra poveri?”.