Me

L’Unione Europea blocca il costo delle chiamate tra i paesi membri

In base al nuovo pacchetto di leggi, le chiamate costeranno al massimo 19 centesimi, mentre il costo dei messaggi sarà di 6 centesimi l'uno. Entro il 2020 saranno anche emesse nuove licenze per lo spettro 5G

Immagine di copertina
Le chiamate costeranno massimo 19 centesimi al minuto

Gli Stati europei hanno deciso di limitare il prezzo delle chiamate e dei messaggi tra i paesi della Comunità, in un nuovo tentativo di abbattere le frontiere dell’Unione.

I rappresentanti del Parlamento europeo e i governi degli Stati membri hanno votato il pacchetto di riforme che blocca il prezzo delle chiamate tra i paesi europei a 19 centesimi al minuto e quello dei messaggi a 6 centesimi.

Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione europea dei consumatori Beuc, il costo di una chiamata verso un altro paese europeo può variare da 5 a 80 centesimi al minuto.

“Eccessive maggiorazioni per le chiamate da cellulare da un paese membro dell’Unione all’altro è lontano da ciò che le persone si aspettano da un mercato unico”, spiega Ursula Pachl, direttore generale del Beuc.

Le misure, se approvate formalmente dal Consiglio europeo, farà seguito all’abolizione del roaming per chi viaggia all’interno dell’Unione, entrata in vigore nel 2017.

Sia le precedenti riforme che quella attuale si inseriscono in un più ampio pacchetto di misure che mirano ad incoraggiare la crescita delle telecomunicazioni, del 5G e della banda larga in tutta l’Unione.

L’accordo tra il Parlamento e il Consiglio è stato raggiunto dopo 12 ore di negoziati nei giorni scorsi.

Il Parlamento europeo ha spinto per stabilire un limite ai prezzi delle chiamate tra i  paesi europei, specificando che spesso i costi erano eccessivamente elevati. 

Le altri parti dell’accordo prevedono l’aumento dei servizi radio 5G entro la fine del 2020 e dopo 20 anni saranno emesse nuove licenze per lo spettro 5G, incoraggiando le imprese storiche a investire con chi si inserisce per la prima volta nel settore.

La maggior parte dei cellulari può già inviare messaggi vocali ed effettuare chiamate vocali gratuitamente tra gli Stati membri utilizzando servizi basati su dati come WhatsApp, Skype o Telegram.

“Niente più chiamate e SMS eccessivamente costosi! Oggi abbiamo deciso di stabilire un tetto ai prezzi se chiami o mandi un messaggio in un altro paese dell’UE da casa tua. Un grande passo in avanti “, ha detto Miapetra Kumpula-Natri, un eurodeputato finlandese di centro sinistra che ha contribuito ai negoziati. 

“Le nuove regole in materia di telecomunicazioni sono un elemento essenziale per il futuro digitale dell’Europa”, ha dichiarato il commissario europeo per l’economia digitale, Mariya Gabriel.  

“Dopo alcuni mesi di difficili negoziati, abbiamo concordato di rendere più rapido e migliore l’accesso allo spettro radio, di garantire servizi migliori e maggiore protezione per i consumatori, nonché maggiori investimenti in reti ad altissima velocità.”