Me
Corona: “Salvini ministro dell’Interno? Io posso fare quello della Giustizia”. La risposta di Salvini
Condividi su:
fabrizio corona salvini

Corona: “Salvini ministro dell’Interno? Io posso fare quello della Giustizia”. La risposta di Salvini

Una lunga polemica tra l'ex re dei paparazzi Fabrizio Corona e il neo ministro dell'Interno Matteo Salvini è scoppiata dopo le esternazioni di Corona davanti al tribunale di Milano

06 Giu. 2018
fabrizio corona salvini

Il neo ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini è stato protagonista di una polemica con Fabrizio Corona.

A iniziare le schermaglie è stato l’ex re dei paparazzi, che davanti al tribunale di Milano, dove è iniziato il processo d’appello per la vicenda dei soldi nascosti, non ha lesinato giudizi sul governo.

Ai giornalisti ha detto: “Io non mi sento rappresentato da Di Maio e da Salvini. Se Salvini può fare il ministro dell’Interno, è come se io diventassi ministro della Giustizia, uguale”.

E ancora: “Con i ministri e i presidenti del Consiglio che ci sono adesso potrei fare il premier anche io”.

Pronta la replica di Matteo Salvini, che in un tweet ha scritto: “Ci mancava pure Corona…”.

Ma l’ex re dei paparazzi ha subito risposto al tweet di Salvini con un messaggio su Instagram: “Ministro mi fa piacere che ha letto le mie dichiarazioni. Le mancavo perché uno ‘stato di non diritto’ mi ha reso muto violando ogni legge della costituzione. Ma oggi ci sono. E presto, se vorrà, la inviterò per un confronto”.

Corona ha quindi aggiunto una dichiarazione che sembra una risposta a molte considerazioni, presenti e passate, del neo ministro dell’Interno sugli stranieri: “Sa ministro in galera ho conosciuto molte persone straniere e sa ministro non tutti erano colpevoli o delinquenti. A presto. Corona, quello che mancava”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus