Me
Roma, riconoscimento figli nati da due mamme, il comune: “Stiamo lavorando sul caso”
Condividi su:
figli coppie omosessuali roma raggi
Virginia Raggi. Credit: Photo by Andrea Ronchini/NurPhoto)

Roma, riconoscimento figli nati da due mamme, il comune: “Stiamo lavorando sul caso”

Dal Campidoglio fanno sapere a TPI che la sindaca si è rivolta al ministero dell’Interno per un approfondimento, che a sua volta ha chiesto delucidazioni all’Avvocatura dello Stato

04 Giu. 2018
figli coppie omosessuali roma raggi
Virginia Raggi. Credit: Photo by Andrea Ronchini/NurPhoto)

Sul riconoscimento dei figli nati da due mamme a Roma qualcosa, seppur molto lentamente, si muove.

In data 28 maggio avevamo raccontato la storia – denunciata anche dalla presidente delle Famiglie Arcobaleno, Marilena Grassadonia – di due mamme che si erano presentate agli uffici anagrafe di Roma per dichiarare congiuntamente la nascita del figlio e chiedere che la maternità fosse attribuita a entrambe.

Davanti a questa richiesta, gli ufficiali dell’ufficio anagrafe si erano rifiutati di trascrivere l’atto per mancanza di direttive legislative e documentazione sulla materia.

(Qui il commento dell’attivista Lgbtq Chiara Sfregola per TPI)

A seguito dell’articolo di TPIche denunciava l’accaduto, e di altri interventi giornalistici, l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale ha avuto un primo incontro con le associazioni di categoria, in particolare con l’associazione delle Famiglie Arcobaleno in occasione della presentazione del gay pride.

Dal Campidoglio fanno sapere a TPI che la sindaca si è rivolta al ministero dell’Interno per un approfondimento, che a sua volta ha chiesto delucidazioni all’Avvocatura dello Stato.

“Come riferito dall’assessora Baldassarre, si tratta di capire come tutelare i bambini: nel momento in cui si fa un atto, questo atto può essere impugnato dal Tar o da altre istituzione, si sta cercando la strada migliore per evitare questa ipotesi, e gestire al meglio la cosa”.

Dal canto suo, la presidente delle famiglie arcobaleno ribadisce: “Sì il contatto c’è stato ma la Raggi deve assumersi la responsabilità politica di quanto sta accadendo”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus