Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Roma, riconoscimento figli nati da due mamme, il comune: “Stiamo lavorando sul caso”

Dal Campidoglio fanno sapere a TPI che la sindaca si è rivolta al ministero dell’Interno per un approfondimento, che a sua volta ha chiesto delucidazioni all’Avvocatura dello Stato

Immagine di copertina
Virginia Raggi. Credit: Photo by Andrea Ronchini/NurPhoto)

Sul riconoscimento dei figli nati da due mamme a Roma qualcosa, seppur molto lentamente, si muove.

In data 28 maggio avevamo raccontato la storia – denunciata anche dalla presidente delle Famiglie Arcobaleno, Marilena Grassadonia – di due mamme che si erano presentate agli uffici anagrafe di Roma per dichiarare congiuntamente la nascita del figlio e chiedere che la maternità fosse attribuita a entrambe.

Davanti a questa richiesta, gli ufficiali dell’ufficio anagrafe si erano rifiutati di trascrivere l’atto per mancanza di direttive legislative e documentazione sulla materia.

(Qui il commento dell’attivista Lgbtq Chiara Sfregola per TPI)

A seguito dell’articolo di TPIche denunciava l’accaduto, e di altri interventi giornalistici, l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale ha avuto un primo incontro con le associazioni di categoria, in particolare con l’associazione delle Famiglie Arcobaleno in occasione della presentazione del gay pride.

Dal Campidoglio fanno sapere a TPI che la sindaca si è rivolta al ministero dell’Interno per un approfondimento, che a sua volta ha chiesto delucidazioni all’Avvocatura dello Stato.

“Come riferito dall’assessora Baldassarre, si tratta di capire come tutelare i bambini: nel momento in cui si fa un atto, questo atto può essere impugnato dal Tar o da altre istituzione, si sta cercando la strada migliore per evitare questa ipotesi, e gestire al meglio la cosa”.

Dal canto suo, la presidente delle famiglie arcobaleno ribadisce: “Sì il contatto c’è stato ma la Raggi deve assumersi la responsabilità politica di quanto sta accadendo”.