Me

Gli Stati Uniti sono accusati di aver ucciso un’immigrata transgender

L'immigrata, originaria dell'Honduras e sieropositiva, è la sesta persona a morire in una struttura di detenzione per immigrati negli Stati Uniti negli ultimi otto mesi

Immagine di copertina
Roxana Hernandez. Credit: Diversidad Sin Fronteras

Gli attivisti che si battono per i diritti umani hanno accusato l’amministrazione statunitense di aver commesso un “omicidio istituzionale“, dopo che un immigrata transgender richiedente asilo è morta mentre si trovava in custodia negli Stati Uniti.

Il nome della transgender è Roxana Hernandez, 33 anni, che si è ammalata mentre si trovava detenuta dalle autorità per l’immigrazione dello stato del New Messico.

L’immigrata, originaria dell’Honduras e sieropositiva, è la sesta persona a morire in una struttura di detenzione per immigrati negli Stati Uniti negli ultimi otto mesi.

I suoi amici hanno raccontato che Roxana Hernandez era fuggita dalla violenza, dall’odio e dallo stigma che aveva subito in America centrale, attraversando il confine con il Messico su una carovana.

“Ha visto negli Stati Uniti l’opportunità di iniziare una nuova vita senza abusi, rischi e minacce”, le parole contenute in un comunicato rilasciato da un gruppo che si occupa dei diritti degli immigrati.

Dopo aver presentato domanda di asilo alla frontiera degli Stati Uniti, Hernandez è stata detenuta in attesa di essere espulsa.

Secondo l’agenzia per l’immigrazione e le dogane, Hernandez aveva subito in passato condanne in Texas per furto, prostituzione e ingresso illegale nel paese.

Secondo l’ICE, la signora Hernandez è stata “trasformata come una rimozione accelerata” quando ha presentato.

Dopo aver presentato domanda di ingresso al porto di San Ysidro in California, il 9 maggio, una settimana dopo è stata trasferita al Centro correzionale della contea di Cibola, nel New Messico.

Il 17 maggio, è stata ricoverata al Cibola General Hospital “con sintomi di polmonite, disidratazione e complicanze associate all’HIV”.

È morta la mattina del 25 maggio dopo essere stata trasferita in ambulanza al Centro medico di Lovelace ad Albuquerque.

Secondo i medici la transgender è morta per “arresto cardiaco”, ma deve ancora essere svolta l’autopsia.

“Roxy è morta a causa di negligenza medica da parte delle autorità di immigrazione degli Stati Uniti”, hanno detto tre gruppi che si adoperano in difesa degli immigrati, Pueblo Sin Fronteras, Al Otro Lado e Diversidad Sin Fronteras.

“In altre parole, è stata assassinata”, conclude la dichiarazione.

Una compagna di detenzione di Hernandez, che non ha voluto fornire la sua identità, ha detto ai gruppi pro immigrati che Hernandez si era ammalata dopo essere stata rinchiusa per cinque giorni in una cella di detenzione fredda come una ghiacciaia.

Stacy, nome di fantasia della donna, ha affermato che a Hernandez sono state negate le cure mediche nonostante la tosse, il vomito, la diarrea e i forti dolori che lamentava su tutto il corpo.

“I funzionari dell’ICE hanno urlato contro di lei” perché era malata, ha detto Stacy. “Non ha ricevuto cure mediche finché non è arrivata a Cibola”.

I gruppi per i diritti degli immigrati chiedono un trattamento dignitoso e umano per tutti i richiedenti asilo, cure mediche adeguate ai bisogni delle persone transgender e di quelle con HIV, oltre che la chiusura di tutti i centri di detenzione per immigrati.

Leggi anche: Dieci miti da sfatare sulle persone transgender